20-01-2021

Hatvan Multifunctional Sports and Events Hall di Napur Architect

Napur Architect,

Tamas Bujnovszky,

Hatvan, Ungheria,

Lo studio d'architettura ungherese Napur Architect ha supervisionato la stesura di un importante masterplan per la cittadina di Hatvan, pensato come una scacchiera su cui si alternano, in lotti squadrati, spazi pubblici e privati, edifici, aree verdi, luoghi commerciali, residenziali e culturali. La sala multifunzionale per sport ed eventi, ultimata lo scorso anno da Napur, è la prima architettura realizzata del masterplan. Dopo averne provato la funzionalità con soddisfazione, gli architetti Marcel Ferencz e György Détári, responsabili del progetto per Naipur, attendono ora di proseguire con la realizzazione del masterplan verso una Hatvan sostenibile e innovativa.



Hatvan Multifunctional Sports and Events Hall di Napur Architect

Naipur Architects è uno studio d'architettura ungherese che negli ultimi anni ha dedicato la propria attività alla cittadina di Hatvan, nella regione settentrionale dell'Heves, e ai suoi circa ventimila abitanti. Il responsabile per l'intera regione ha infatti assegnato allo studio, nel 2012, lo sviluppo di un masterplan che predisponesse l'evoluzione urbanistica di Hatvan per gli anni futuri. Il progetto è stato terminato nel 2016 e prevedeva la disposizione alternata di aree verdi, edifici pubblici istituzionali e culturali, attività commerciali e residenze su una lottizzazione razionale, quadrata e sagomata come una scacchiera.

La sala multifunzionale per sport ed eventi, ultimata da Naipur Architects nel 2020, è la prima architettura realizzata del masterplan. In coerenza con la lottizzazione e la visione futura per la città, questa Hall si presenta come una struttura squadrata, di un colore rosso-arancione vivido, rivestita di elementi modulari in metallo. Per sua conformazione, la struttura è animata da una doppia tensione: da un lato si presenta come un sistema di linee ortogonali armonicamente assemblate, dall'altra l'idea apparente è quella di una struttura disgregata, sul punto di esplodere a causa di un impulsi interni. Come raccontano Marcel Ferencz e György Détári, architetti responsabili: "Qualsiasi soluzione scegliamo, la nuova Hatvan Handball Hall ci si presenta come un istante catturato nel corso di un processo. Il concetto dell'edificio risulta chiaro se lo leggiamo e lo interpretiamo nello spazio e nel tempo della città."

Quella che oggi può sembrare una struttura isolata, non giustificata nell'attuale tessuto urbano, è la prima parte, in divenire, di un unicum coerente che gli architetti di Naipur auspicano di vedere realizzato per intero. La Hatvan Multifunctional Sports and Events Hall si pone infatti a metà tra due distretti cittadini disgiunti mettendoli per la prima volta in comunicazione, disegnando così, per il futuro, una convergenza tra i due poli edificati.
Sorgendo in una zona di antica vocazione industriale, gli architetti hanno cercato di creare un "dynamic still" (calma dinamica) che potesse dialogare con le centenarie strutture tradizionali già presenti, inserendo nel contesto una connotazione architettonica contemporanea, che sarà sviluppata anche in futuro facendo particolare attenzione a razionalità, funzionalità ed economia.

La doppia facciata del palazzetto svolge un ruolo sia estetico che funzionale, conferendo dinamismo, enfatizzando gli ingressi e fornendo schermatura termica e ombreggiatura durante i mesi estivi. Raccontano poeticamente Naipur Architect:"Le aperture sono dettate dalle funzioni, costruzione e gestione sono semplici ed efficienti. Il suo colore rosso acceso rappresenta il fuoco del movimento, l'energia delle gare e degli eventi sportivi. Il livello secondario funge da contrasto, con la sua rete di elementi a sezione cava. Il loro colore è il bianco: il colore della perfezione e delle possibilità, ma anche un richiamo alla purezza, pulizia e correttezza del gioco. Il loro distacco spaziale diventa particolarmente affascinante la notte, quando le luci dell'edificio risplendono attraverso gli squarci della sua armatura, come la lava risplende dalle spaccature delle placche tettoniche."

Mentre la disposizione degli spazi è rigorosamente organizzata, la "giocosità" dell'involucro esterno riverbera nello stile degli interni, andando a stemperare il carattere semplice e austero del palazzetto. Il controsoffitto dell'atrio si presenta ad esempio come una ripetizione di quadri bianchi, rossi, blu e luminosi, che voglio essere un omaggio a Mondrian. Come l'involucro esterno in metallo mostra il rosso della struttura sottostante. Inoltre, tra i pannelli colorati del controsoffitto appaiono i nudi dei raccordi meccanici.

La domanda degli architetti ora verte sul proseguimento della realizzazione del masterplan:"questo masterplan verrà realizzato o questa struttura sportiva rimarrà l'unico segno di una visione grandiosa e il rinnovamento dell'area seguirà un altro percorso?"

Francesco Cibati

General Design: Animative Kft.
Architectural Design: Napur Architect Kft.
Chief Architects: Marcel Ferencz DLA, György Détári DLA (Napur Architect Kft.)
Architectural Assistants: Béla Marsal, Ákos Takács (ABMT Kft.), Dávid Nyul, Pál Holyba (Napur Architect Kft.)

Designed: 2012-2016
Completed: 2020
Gross area: 2800m2


Pictures: Tamas Bujnovszky

www.napur.hu


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature