23-02-2010

Gmp e il Grand Theater, landmark di Chongqing

gmp von Gerkan, Marg and Partners Architects,

Hans Georg Esch,

Shanghai,

Teatri,

Design,

Vetro,

Una nave-teatro si protende sulla metropoli cinese di Chongqing alla confluenza dei fiumi Jialing e Yangtze. Lo studio tedesco Gmp, che ne ha progettato l’imponente struttura in vetro, voleva che fosse non solo un punto di riferimento urbano, ma anche una simbolica piazza per il ritrovo della cittadinanza.



Gmp e il Grand Theater, landmark di Chongqing

Nei territori centrali della Cina, a due ore e mezza di volo dai fermenti operativi di Shanghai, si trova Chongqing, una megalopoli di grattacieli senza qualità, dove il progresso si misura al ritmo delle demolizioni e delle nuove costruzioni. Nel punto di congiunzione tra il fiume Jialing e lo Yangtze (il Fiume Azzurro), nello Jiangbei, il quartiere degli affari, è stato costruito un nuovo punto di riferimento visivo per la città, che punta ad assumere un significato simbolico per la popolazione. Il Grand Theater, progettato dallo studio Gmp e finanziato dallo stesso distretto in cui sorge, spicca da una piattaforma in pietra per un altezza di oltre 60 metri e su una superficie di 100.000 mq, imponendosi nel panorama della città. Una piattaforma gradinata si protende verso il punto di confluenza dei due fiumi, per offrire la nuova architettura come tempio ai saluti e agli auspici delle imbarcazioni in transito. L’aspetto aggressivo dei suoi volumi, ispirato ai profili delle navi, si mitiga risalendo le scalinate dal lungofiume, mostrando una struttura completamente vetrata e traslucida. Sensibile ai cicli di luce e buio e all’evoluzione delle condizioni meteorologiche, questa pelle composta da moduli strutturali in vetro muta a sua volta restituendo all’interno una percezione sempre diversa dell’edificio.

Il grande atrio d’ingresso è collocato al piano terra, ma è necessario salire al primo piano per accedere alle due sale degli spettacoli, collocate lungo l’asse longitudinale dell’edificio. La grand hall, che ospita 1744 poltrone e la medium hall, che ne tiene 873, sono rivolte l’una verso l’altra, in modo che le alte torri delle scenografie di 64 m e 52 m occupino il centro dell’edificio e svettino proprio come le ciminiere di una nave. I rispettivi foyer, situati al primo livello, si trovano invece agli estremi opposti dell’edificio, rispettivamente nella prua e nella poppa di questa “nave”. Ogni elemento strutturale e di dettaglio dell’architettura assume proporzioni colossali: come la sequenza di rampe di scale che dal piano terra portano alle sale e alle gallerie o come i pilastri a V dell’atrio d’ingresso. All’esterno, le facciate non convenzionali in vetro traslucido sono compatte e imponenti nel loro sviluppo su più volumi accostati. Solo a Est e Ovest, in corrispondenza degli ingressi, esse si frammentano in un disegno ritmico di opacità e trasparenze, che di notte, con gli interni illuminati, mostra i foyer pavimentati a parquet e i lampadari scenografici, preludio alla ricchezza delle sale teatrali. La piattaforma su cui si erge il teatro, ampia e ricca di punti di accesso, costituisce non soltanto uno spazio di rispetto e di osservazione dell’architettura, ma una piazza pubblica per il bene della cittadinanza. Qui come nella Grecia classica, il teatro può assumere un ruolo sociale, essere lo strumento di educazione comunitaria e, grazie alla forte identità architettonica, anche un simbolo visivo attorno al quale orientare lo sviluppo della metropoli.
di Mara Corradi

Progetto: gmp – von Gerkan, Marg and Partners Architects
Committente: Chongqing Jiangbeizui Central Business District Development & Investment Co. Ltd.
Luogo: Chongqing, Jiangbei District (Cina)
Progetto di concorso: Meinhard von Gerkan with Klaus Lenz
Partner: Nikolaus Goetze
Capoprogetto: Volkmar Sievers
Gruppo di progettazione: Heiko Thiess, Monika van Vught, Robert Friedrichs, Matthias Ismael, Tobias Jortzick, Dominik Reh, Christian Dahle, Julia Gronbach
Gruppo di realizzazione :Kerstin Steinfatt, Nils Dethlefs, Knut Maass, Zhu Huan, Jan Stolte, Li Zhenghao, Ren Yunping
Partner cinese: ECADI
Statica/Attrezzature tecniche: East China Architectural Design & Research Institute Co., Ltd.
Acustica: Müller BBM GmbH
Scenografia: Kunkel Consulting International GmbH
Progetto illuminotecnico: agLicht, Gesellschaft beratender Ingenieure für Lichtplanung b.R.
Architetti paesaggisti: Breimann & Bruun
Superficie utile lorda: 100.000 mq
Concorso: 2004
Inizio progetto: gennaio 2005
Inizio lavori: giugno 2005
Fine lavori: giugno 2009
Strutture in cemento e vetro
Fotografie: ©Hans Georg Esch

gmp-architekten.de


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×