01-09-2003

Gesine Weinmiller: Tribunale Federale del Lavoro

Biblioteche,

Legno, Pietra,

In seguito alla riunificazione del 1990, in Germania si è verificata l'impellente necessità di costruire nuovi edifici, spesso in sostituzione di quelli esistenti; poiché l'architettura della parte orientale del Paese si trovava allora in una fase di crescita qualitativa, i progettisti coltivarono la speranza di poter dar vita ad un'edilizia di buon livello su vasta scala nelle zone orientali.



Gesine Weinmiller: Tribunale Federale del Lavoro Attraversando un corpo scala rivestito in legno di quercia, si raggiunge la più grande biblioteca tedesca di diritto del lavoro, la quale occupa quasi tutto il primo livello.
La semplice distribuzione funzionale e la precisione delle piante dei corpi che circondano le due corti determinano l'aspetto esteriore dell'edificio, che appare molto elegante.
La progettista ha disegnato personalmente i telai di ogni porta e di ogni infisso, sebbene risulti evidente il ricorso ad un principio progettuale di estrema semplificazione dei dettagli, ispirato alla poetica di Mies van der Rohe.

Nel corpo scala, nel foyer e nelle quattro sale di udienza i pannelli in legno di quercia, la moquette in colori tenui e le pavimentazioni in pietra naturale creano un'atmosfera ricercata, senza dubbio adeguata ad un tribunale federale.

GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×