08-01-2007

Genzyme Center, Boston, 2003. Behnisch Architects

Behnisch Architekten,

Boston,

Uffici,

Acciaio, Vetro,

Il Genzyme Center sorge a Boston, all'interno di un'area industriale dismessa poco distante dalle due più prestigiose e note università della città: Harvard e il MIT.



Genzyme Center, Boston, 2003. Behnisch Architects Il sistema studiato per captare l'energia luminosa funziona grazie a eliostati e specchi fissi posti in copertura, essi contrastano l'illuminazione diretta convogliandola all'interno. La superficie prismatica del soffitto filtra la luce e un grande lampadario formato da numerosi oggetti riflettenti la scompone e la diffonde uniformemente. L'atrio inoltre, grazie al movimento costante delle 768 placche che scendono dalla copertura, favorisce la ventilazione naturale e il riciclo dell'aria. L'involucro esterno è formato da una doppia pelle costituita da due superfici trasparenti separate da un'intercapedine con funzione di tampone termico, studiata per il rigido clima di Boston.
La facciata è dotata di finestre ad apertura manuale ed elettrica, funzionali per un controllo flessibile della ventilazione, e di schermature mobili e tendaggi colorati per la protezione solare.
Un altro aspetto interessente è la raccolta dell'acqua piovana per l'irrigazione del tetto verde. Le strategie sostenibili adottate per la riduzione dei consumi energetici nei luoghi di lavoro hanno garantito al Genzyme Center il LEED di platino, massima certficazione per l'edilizia sostenibile in America.

Silvia Zini

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature