09-09-2020

David Chipperfield Architects Carmen Würth Forum Künzelsau, Germany

David Chipperfield Architects,

Simon Menges,

Künzelsau, Germany,

Musei, Art Center, Cultural Center,

Dal 28 giugno è aperto al pubblico il centro culturale e congressuale "Carmen Würth Forum" progettato, per la ditta Adolf Würth di Künzelsau in Germania, dall'ufficio di Berlino dello studio d'architettura David Chipperfield Architects. L'intervento appena concluso è una "seconda fase", un ampliamento con area congressuale e museo d'arte che completa le sale per concerti ed eventi inaugurate nel 2017 e progettate sempre da David Chipperfield Architects Berlin.



David Chipperfield Architects Carmen Würth Forum Künzelsau, Germany

Si è conclusa la seconda fase di costruzione del "Carmen Würth Forum", progettato, per la ditta Adolf Würth di Künzelsau in Germania, dall'ufficio di Berlino dello studio d'architettura David Chipperfield Architects. L'ampliamento aggiunge un'area congressuale flessibile e un museo d'arte, con foyer e caffè, alle sale per concerti ed eventi inaugurate nel 2017 e progettate sempre dallo studio David Chipperfield Architects Berlin. Come raccontato dall'architetto David Chipperfield, il forum così completato realizza in pieno la visione di Reinhold Würth. L'imprenditore desiderava infatti creare un luogo di incontro per i dipendenti dell'azienda e per la comunità in generale, un centro che diventasse simbolo del legame tra un luogo di lavoro, la sua comunità e l'ambiente circostante. Per questo motivo, lo studio David Chipperfield Architects Berlin ha adottato per il Carmen Würth Forum le forme chiare e il linguaggio tipici dell'architettura industriale creando un unico complesso che si relaziona con il vasto paesaggio verde che lo circonda e con lo stabilmento della Würth, sito sul lato opposto della strada.
Il complesso si inserisce infatti nell'orografia del paesaggio, con la sala per la musica da camera e il piano inferiore della sala eventi nascosti nella collina, il piano superiore interamente vetrato, spazi esterni incorniciati dal paesaggio e da muri di contenimento, infine il cortile interno che diventa il punto di incontro tra le diverse destinazioni d'uso.
Il museo custodisce le importanti opere che fanno parte della Collezione Würth. Una delle più importanti collezioni private d'arte esistenti in Europa, fondata negli anni Settanta da Reinhold Würth e che oggi comprende oltre 18.000 opere d'arte moderna e contemporanea, più un numero significativo di dipinti e sculture tardo-medievali. Sono presenti opere di artisti come: Max Beckmann, Max Ernst, Ernst Ludwig Kirchner, Edvard Munch, Emil Nolde e Pablo Picasso. È significativa la presenza di sculture di artisti come Eduardo Chillida, Tony Cragg, Alfred Hrdlicka, Robert Jacobsen, Anish Kapoor, Henry Moore o Bernar Venet. E di grandi collezioni di opere di Hans Arp, Horst Antes, Georg Baselitz, Max Bill, Christo e Jeanne-Claude, Anselm Kiefer, Bernhard Luginbühl e altri. Tra le opere tardo-medievale è presente una collezione di dipinti di Fürstlich Fürstenberg, acquisita nel 2003, e dal 2012 "La Madonna di Jakob Meyer zum Hasen" (Madonna di Darmstadt) un celebre dipinto di Hans Holbein il Giovane del 1526-28.
Ogni ambiente del complesso ha un suo carattere individuale e proprie qualità spaziali messe in evidenza dalla luce naturale e artificiale, fino ad arrivare al luminoso belvedere interamente vetrato. Attraverso il belvedere, il museo si apre sul paesaggio e crea un dialogo tra arte e natura che prosegue nel parco di sculture inserito nel contesto scenografico del forum.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of David Chipperfield Architects Berlin, photos © Simon Menges

Facts and data
Location: Am Forumsplatz 1, 74653 Künzelsau, Germany
Site area: 170,000 m²
Gross floor area: 5,500 m² (Phase 2), 13,300 m² (Phase 1 and 2)
Length x width: 46 m x 140 m (ground floor)
Max. occupancy: 700 persons (conference area)
Floor areas: Exhibition hall, 763 m² / Graphics art gallery, 200 m² / Conference area, 750 m² / Bookshop, café, foyer, 1050 m² / Inner courtyard, 215 m²
Competition: 2006-2007
Phase 1: 2011 – 2017, Chamber music hall and event hall
Phase 2: 2018 - 2020, Conference centre, museum

Client: Adolf Würth GmbH & Co. KG
Project controlling: Drees & Sommer AG, Stuttgart

Architect: David Chipperfield Architects Berlin
Partners: David Chipperfield, Harald Müller, Martin Reichert, Alexander Schwarz (Design lead)

Competition - Project architect: Annette Flohrschütz
Competition team: Sandra Badji, Markus Bauer, Jan Blaurock, Ute Burdelski, Mirjam von Busch, Florian Dirschedl, Ulrike Eberhardt, Hannah Jonas, Hjördis Klein, Barbara Koller, Martina Maire, Jana Raudnitzky, Stefanie Schleipen, Marika Schmidt, Moritz Uhlmann; Grafik, Visualisierung: Dalia Liksaite, Antonia Schlegel, Ute Zscharnt

Phase 2 - Project architect: Marcus Mathias (Preparation and brief to Technical design, Site design and construction supervision, Procurement)
Project team: Alexander Bellmann, Leander Bulst, Bernhard Danigel, Dirk Gschwind, Christopher Jonas, Linda von Karstedt, Maximilian Lohmann, Thomas Schöpf, Nils Stelter;
Graphics, Visualisation: Dalia Liksaite, Ken Polster
In collaboration with
Executive architect: Kraft + Kraft Architekten, Schwäbisch Hall (Procurement, Construction supervision) represented by Gerd Eckert and Markus Masseretti
Structural engineer: Mayer-Vorfelder und Dinkelacker Ingenieurgesellschaft für Bauwesen GmbH und Co KG, Sindelfingen
Services engineer: ZB Zimmermann und Becker GmbH, Heilbronn
PBS Ingenieurgesellschaft mbH, Aalen (Electrical consultant)
Building physics, Acoustics: Horstmann + Berger, Altensteig
Fire consultant: Halfkann + Kirchner, Stuttgart
Façade consultant: Reba Fassadentechnik AG, Chur
Lighting consultant: Arup Deutschland GmbH, Berlin (Daylight consultant)


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature