25-01-2019

Il museo sotterraneo Joanneumsviertel di Nieto Sobejano

Nieto Sobejano Arquitectos,

Roland Halbe,

Austria,

Piazze, Musei,

Cemento, Vetro,

Un edificio ipogeo che collega due monumenti storici diventando l'hub per entrambi e una piazza per la città



Il museo sotterraneo Joanneumsviertel di Nieto Sobejano Per unire la Biblioteca regionale della Stiria e la Kunsthaus del primo novecento è stato creato un museo sotterraneo: il Joanneumsviertel che connette tre distinti edifici.
Lo studio di architettura Nieto-Sobejano realizza un edificio ipogeo che ha chiamato provocatoriamente una Superficie profonda, in quanto è una creazione multipiano sotterranea in grado di accogliere gli spazi necessari a far funzionare i tre edifici della Nuova galleria d’arte moderna: la Biblioteca regionale della Stiria e il Museo di storia naturale del XVIII secolo. Tutti gli edifici si fronteggiavano senza essere collegati fra loro, in quanto sono divisi da una piazza e vie, così gli architetti hanno pensato di rinunciare alla realizzazione di un classico edificio iconico, come si è solito fare in questi casi, optando per una soluzione più mite, ma vincente. La piazza da loro progettata, in cemento armato, presenta svariate aperture a imbuto circolare, la cui funzione serve a convogliare la luce negli spazi interni, gustando della visuale degli edifici barocchi che fanno da cornice alla piazza stessa. Al contempo quindi i passanti possono godere della vista interna del nuovo museo, il quale accoglie in sé tutti gli spazi necessari a ognuna di quelle istituzioni, ovvero l’ingresso, le sale per conferenze, gli spazi lettura e l’archivio, ottimizzando il flusso dei visitatori e la gestione amministrativa.
Colpisce quindi la presenza nella città di queste aperture che ne vivacizzano l’urbano e stimolano l’attrattiva, forte del fatto che il vetro serigrafato a pois, curvato a caldo e giuntato con silicone strutturale nero, sembri essere l’unica apparente acrobazia tecnologica. In realtà però l’essere andati in profondità, nel cuore della città, ha impegnato ai massimi livelli i progettisti e l’impresa costruttrice, i quali hanno dovuto agire con grande delicatezza e precisione. Il risultato globale mostra una mimetizzazione efficace che fa leva sulle notevoli doti strutturali e sulla profonda sapienza costruttiva.

Fabrizio Orsini

JOANNEUMSVIERTEL
Location: Graz, Austria
Client: Government of Steiermark, Austria
Architects: Nieto Sobejano Arquitectos, Fuensanta Nieto, Enrique Sobejano, eep architekten, Gerhard Eder, Christian Egger, Bernd Priesching
Program: Restoration and expansion of existing museum and library
Total floor area: 19.515 m2
Project architects: Dirk Landt, Daniel Schilp
Project team: Udo Brunner, Olliver Dullnig, Isabel Espinoza Tratter, Michele Görhardt, Gudrun Michor, Sebastian Sasse, Martina Schaberl, Anja Stachelscheid, Nik Wenzke Structural engineer: DI. Manfred, Petschnigg ZT
Mechanical engineer: Pechmann GmbH, Ingenieurbüro für Haustechnik
Electrical planning: Busz GmbH
Fire prevention consultant: Norbert Rabl ZT GmbH
Acustic consultant: Dr. Pfeiler GmbH
Models: Nieto Sobejano Arquitectos, Juan de Dios Hernández - Jesús Rey
Photographs: Aurofoto, S.L. (models), Roland Halbe Project
Date: Competition: 2006, Design: 2008, Completion: 2011

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×