13-06-2014

Brasile 2014. I nuovi stadi per i Mondiali di Calcio.

USA,

Sport & Wellness,

Per i Mondiali di Calcio del Brasile, architetti e ingegneri rifanno il look agli stadi, con progetti e restyling più o meno avveniristici.
I Mondiali in Brasile avranno architetture all’avanguardia. I nuovi stadi firmati da architetti come Populous, Anibal Coutinho e da studi di design e architettura americani come Gensler e HKS, tutti impegnati a incrementare lo sviluppo delle infrastrutture del Brasile, ormai pronto per il calcio iniziale dei campionati Mondiali di calcio 2014.



Brasile 2014. I nuovi stadi per i Mondiali di Calcio.

Mondiali di Calcio del Brasile, gli stadi: Arena di San Paolo.
E' stato scelto per ospitare l'incontro di apertura dei Mondiali di Calcio del Brasile, il 12 giugno prossimo. San Paolo Arena CORINTHIANS, nel quartiere di Itaquera, si trova nella zona orientale della città. Il progetto firmato dall'architetto Anibal Coutinho è stato finanziato  per promuovere lo sviluppo di una delle zone di San Paolo più svantaggiate e sede di quasi quattro milioni di persone. Sono stati garantiti circa 6.000 posti di lavoro, guadagno e qualifiche professionali. Particolarità dello stadio Arena di San Paolo, realizzata da una azienda italiana che produce vetri curvi molto amati dagli archistar, è la gigantesca facciata vetrata a est dell'impianto, trasformata nel più grande video display mai realizzato.

Mondiali di Calcio del Brasile, gli stadi: Stadio Maracana – Rio de Janeiro
Fra tutti gli stadi che ospiteranno i Mondiali di Calcio del Brasile 2014,  lo stadio Maracana di Rio de Janeiro, verde e moderno, ospiterà la finale dei Mondiali di Calcio 2014.
Tutto nuovo nell'anima e nel corpo anche se  nella memoria resterà solo quell’immenso ombelico, una bocca spalancata in un silenzioso “oooh” di incitamento. Ora il cielo dello Stadio Maracana è coperto da un tetto ellittico di 50mila metri quadri di pannelli fotovoltaici; 230 bagni che riciclano l’acqua piovana, 60 bar, 360 telecamere di sicurezza, poltroncine super comode.  Nuove gradinate, sedili colorati di giallo, blu e bianco che rappresentano con il verde del campo i colori nazionali del Brasile. Il tetto dello stadio originale, in calcestruzzo, è stato demolito e sostituito con una membrana di fibra di vetro in teflon.

Mondiali di Calcio del Brasile, gli stadi: Stadio das Dunas - Natal
Venti enormi petali di alluminio si piegano intorno ai 42.000 posti dello Stadio das Dunas progettato dallo studio Populous. Lo Stadio das Dunas ha una struttura reticolare in acciaio composta da moduli a forma di petalo. Esternamente è rivestito con piastrelle in alluminio,  elementi che offrono una forma asimmetrica che richiama il paesaggio di dune di sabbia che circondano la città. Fette traslucidi di policarbonato riempiono le lacune tra ogni petalo permettendo alla luce naturale di penetrare maggiormente nello stadio. L' erba utilizzata per il prato è stata selezionata tenendo conto della sua resistenza al clima caldo della regione. Lo Stadio das Dunas  potrà essere irrigato con il riciclo delle acque piovane, raccolte sul tetto, come parte di un sistema di drenaggio integrato. 

Mondiali di Calcio del Brasile, gli stadi: Stadio Nacional – Brasilia
Un'impronta green per lo Stadio Naçional de Brasilia, ristrutturato dallo studio di architettura per lo sport Castro Mell Architects. L’impianto ora dispone di ben 70.000 posti che lo rendono il secondo stadio più capiente dei prossimi Mondiali di Calcio del Brasile. Primo impianto a “energia zero”, l'intero stadio dispone di una copertura di pannelli fotovoltaici e si è stimato che un metro quadro di pannello può assorbire un quantitativo di ossido di azoto pari a quello prodotto da 88 vetture. Il team Castro Mell Architects ha sviluppato un sistema di recupero dell’acqua piovana,  che viene riutilizzata per i servizi igienici e l’irrigazione del manto erboso, riducendo il consumo di acqua dell’80%.  3.500 posteggi per le bici, di cui 1.000 all’interno dello stadio dedicati a coloro che amano e rispettano l’ambiente.

Mondiali di Calcio del Brasile, gli stadi: Stadio Castelao – Fortaleza

Primo impianto del Brasile certificato LEED. Uno stadio green, un mix di eco sostenibilità e tecnologia a firma dell'architetto David Douek e direttore Otec. Lontano dalle usanze italiane, che vedono lo stadio come un grosso cestino pubblico, all’interno della struttura è stato istituito un sistema di raccolta differenziata. Quarto stadio per capienza del Brasile (63,903 posti, tutti a sedere e coperti dal tetto), l’Arena Castelão ha riciclato il 97% dei rifiuti prodotti durante la ricostruzione  grazie ad un impianto di riciclaggio costruito in loco. Riduzione del 67% del consumo di acqua potabile e del 92% dell'uso del legno utilizzato nella costruzione è stato certificato dall’FSC . 1.900 i posti auto riservati ai veicoli che utilizzano carburanti alternativi o al servizio di car sharing. L'area è stata ricavata riutilizzando il calcestruzzo di scarto derivato dalla demolizione. 

Mondiali di Calcio del Brasile, gli stadi: Stadio Pernambuco – Recife
Progettato dallo studio di architettura Fernandes Architects & Associates. Lo Stadio Pernambuco può ospitare 46.000 persone per le partite di calcio aumentabile a 63.000 persone per eventi musicali. La struttura occupa una superficie di circa 50 ettari e dispone di 4.700 posti auto di cui 800 coperti. L'Arena Pernambuco, sarà illuminata grazie all’energia prodotta interamente da moduli fotovoltaici.  L’impianto a terra occupa una superficie di 15.000 metri quadri e comprende oltre 3.650 moduli monocristallini  ad alta efficienza. Il sistema fotovoltaico riuscirà a produrre oltre 1.500 MWh di energia elettrica all’anno, pari al 30% del fabbisogno energetico dello stadio e quando l'area non sarà in funzione l’energia solare prodotta dall’impianto sarà immessa in rete e distribuita alla comunità locale. 

Obiettivo comune della ristrutturazione di tutti gli stadi del Brasile,  rimane, anche a detta della FIFA, quello di assicurarsi che tutti gli interventi architettonici si ispirino ai principi della sostenibilità ambientale e rientrino nei piani di implementazione e sviluppo della FIFA World Cup 2014. I progettisti hanno quindi contribuito a ridurre l'inevitabile impatto negativo della Coppa del Mondo sulla società e sull’ambiente, e attraverso i loro progetti di architettura accrescere solo le conseguenze positive per lasciare, finiti i Mondiali di Calcio,  un’eredità duratura ai cittadini del Brasile. 

Cintya Concari


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×