10-07-2019

Villa Amiri di Bornstein Lyckefors

Bornstein Lyckefors,

Kalle Sanner,

Ville, Architecture/Landscape/Urbanism, Housing,

Legno,

L’ultimo progetto dello studio di architettura svedese Bornstein Lyckefors è una villa unifamiliare.



  1. Blog
  2. Materiali
  3. Villa Amiri di Bornstein Lyckefors

Villa Amiri di Bornstein Lyckefors L’ultimo progetto dello studio di architettura svedese Bornstein Lyckefors è una villa unifamiliare. Il volume, dalle linee archetipiche e rivestito in legno catramato, si fonde nel contesto variegato del sobborgo di Mölndal. Gli interni ospitano anche lampade disegnate dagli architetti stessi.


Mölndal è la capitale dell’omonimo comune di Mölndal nel distretto amministrativo svedese di Västra Götalands län e fa parte, nella Svezia meridionale, della conurbazione di Göteborg. Nella zona residenziale di questa città, di circa 40mila abitanti, si trova l’ultimo progetto dello studio di architettura svedese Bornstein Lyckefors.
Lo studio, di cui abbiamo presentato il Torsby Finnskogscentrum (link) e Späckhuggaren (link), conferma anche con Villa Amiri la sua grande attenzione al linguaggio dell'architettura contemporanea, declinandola in maniera sempre sorprendente e fresca.
Il tessuto urbano del sobborgo di Mölndal, dove sorge Villa Amiri, è frutto di un piano regolatore degli anni ’50 del secolo scorso e presenta una grande varietà di facciate e forme. Proprio per una tale diversità del contesto la scelta degli architetti è caduta sulla forma archetipica della casa dalla semplice geometria del tetto a sella. A sottolineare questo rigore geometrico contribuisce il materiale da rivestimento scelto, ovvero il legno di pino catramato, in quanto ha un effetto conservante. Si tratta di un antico e tradizionale metodo di conservazione per facciate e tetti in legno tipico della Svezia, per la prima volta utilizzato dagli architetti dello studio Bornstein Lyckefors , da sempre molto attenti alla scelta materica che connota ogni loro progetto. Infatti il legno catramato resiste agli elementi e regala un aspetto iconico al nuovo volume che si inserisce, con grande garbo, nel luogo, diventando uno sfondo neutro per tutte le storie di vita che vi accadono attorno.
Fulcro della composizione degli interni di Villa Amiri è la scala in acciaio forato, un materiale ricorrente negli ambienti, usato sia quale balaustra del ballatoio del piano superiore che come cornice di un paio di finestre, dove il disegno buccherelato produce un bellissimo gioco di luci e ombre. 
Quasi una scultura, la scala taglia il volume di netto, diventando espressione del pozzo di luce che, dai lucernari dell'ultimo piano, la fa scendere fino al pian terra, dove si trovano cucina e soggiorno. Mentre il piano intermedio contiene le camere da letto e l'ultimo è un unico grande spazio polivalente per la famiglia. La scala permette inoltre di apprezzare tutta l’altezza del volume. Una soluzione che ingrandisce la percezione dello spazio.
Mentre il materiale degli esterni è legno massello catramato all'interno gli architetti hanno proposto una combinazione di calcestruzzo, MDF, colorato a tutta massa, e appunto l’acciaio forato, il quale da un tocco di contemporaneità e rimanda alla storia industriale della zona. Infatti Göteborg, la seconda città della Svezia con quasi 1 Mio. di abitanti nell’area metropolitana, è la patria di importanti aziende metalmeccaniche.
Negli ambienti interni di Villa Amiri troviamo anche la lampada sospesa Bend, disegnata dallo studio Bornstein Lyckefors, un'aggiunta di classe agli interni dall’atmosfera minimal e tipicamente scandinava, nonché in piena sintonia con l'aspetto austero della facciata.

Christiane Bürklein

Team: Johan Olsson, Per Bornstein, Andreas Lyckefors, Jenny Andersson Höfvner, Ainhoa Exteberria, Caroline Jokiniemi - https://www.bornsteinlyckefors.se/
Project location: Mölndal, Sverige
Project category: Villa
Gross Built Area: 260 m2
Year: 2019
Photo credit: Kalle Sanner, www.kallesanner.se

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×