06-11-2020

Verdure a km0 a Copenhagen con una Vertical Farm

Nordic Harvest,

YesHealth Group,

Copenhagen, Danimarca,

Salute & Benessere,

Nuove sfide richiedono nuove risposte. Vertical Farming lo fa, fornendo un'agricoltura efficiente sotto il profilo delle risorse ultra-locali, nonché utilizzando energia sostenibile. Dopo Taoyuan, Taiwan e Shenzhen, in Cina, YesHealth Group ha aperto una Vertical Farm di ultima generazione in Europa a Copenhagen.



  1. Blog
  2. Architettura Sostenibile
  3. Verdure a km0 a Copenhagen con una Vertical Farm

Verdure a km0 a Copenhagen con una Vertical Farm Si parla di orti urbani, di guerilla gardening e da qualche tempo anche di soluzioni più strutturate per la produzione di ortaggi in città. Abbiamo già presentato una realtà canadese: le serre commerciali di Lufa Farms che nascono sui tetti di architetture abbandonate, garantendo alla popolazione locale verdure fresche a km0. Ma vediamo anche che in molti stanno cercando ulteriori soluzioni realizzabili e possibilmente sostenibili per la produzione locale di ortaggi dedicati alle popolazioni urbane.
Vertical Farming, ovvero l’agricoltura verticale, è una di tali possibili soluzioni, in quanto utilizza solo una frazione di suolo e risorse idriche limitate, ovviamente rispetto ai metodi di produzione tradizionali. In questo caso, infatti, gli ortaggi vengono prodotti in strutture dedicate, al chiuso, con un clima controllato e dalle condizioni ideali tutto l’anno, nonché senza temere insetti, batteri o altri parassiti. Tutto ciò, di conseguenza, permette una coltivazione senza ricorrere a pesticidi. In particolare, per una tale tipologia di agricoltura l’ottimizzazione tecnologica ha un ruolo fondamentale ed è ideata dall’azienda taiwanese YesHealth Group. Questa, infatti, sviluppa serre attraverso delle tecnologie brevettate che giocano un ruolo primario nella limitazione dell’impatto ambientale, non ultimo il fabbisogno energetico più alto rispetto all’agricoltura tradizionale, una delle accuse rivolte all’agricoltura verticale. Ma le tecnologie da loro brevettate, per aumentare l'efficienza, includono un sistema di luce a LED, la coltivazione idroponica a microbolle e fertilizzanti microbici liquidi, a cui si aggiungono la conoscenza della fisiologia delle piante, nonché un uso dedicato di big data e intelligenza artificiale
L’ultima fattoria verticale costruita da YesHealth Group, in collaborazione con Nordic Harvest, si trova in Danimarca a Copenhagen nel Copenhagen Markets, il più grande mercato all'ingrosso di prodotti alimentari del Nord Europa. Improntata sull’agricoltura 4.0, qui si trovano ortaggi a diversa foglia prodotti, a perdita d'occhio, su scaffali di ben 14 piani. Ovvero, si tratta di una delle più grandi aziende agricole verticali del mondo con una produzione, alla massima capacità, di 3000 kg al giorno, quindi una delle Vertical Farm più verdi, anche grazie alla produzione danese di energia rinnovabile. A tal proposito sostiene Anders Riemann, CEO e fondatore di Nordic Harvest:  ”L'agricoltura verticale aiuta la Danimarca a ridurre le emissioni di CO2 per unità di coltura agricola prodotta”, in questo modo “aiutiamo l'agricoltura nella transizione verde che sarà altamente necessaria quando la Danimarca dovrà ridurre del 70% i gas serra nel 2030".
Insomma, un momento storico per il movimento agricolo verticale e il settore delle cleantech nel suo complesso. E tutto questo anche grazie alle politiche trasparenti della Danimarca, in quanto le cifre e le statistiche della Vertical Farm di Copenhagen saranno rese pubbliche, al fine di verificare le ultime affermazioni di Anders Riemann e godere di una buona insalata bio senza rimorsi.

Christiane Bürklein

Project: Nordic Harvest
Location: Copenhagen, Denmark
Year: 2020
Images: courtesy of YesHealth Group

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature