16-04-2012

Una piscina naturale per un divertimento “green”

Essen,

riqualificazione,

A Suben, Austria, lo studio d'architettura Pointner+Pointner, insieme allo studio tecnico Wagner&Weitlaner Wasserwerkstatt OG, ha firmato il progetto per il rinnovamento di una vecchia piscina comunale in disuso, trasformandola in piscina naturale.



  1. Blog
  2. Materiali
  3. Una piscina naturale per un divertimento “green”

Una piscina naturale per un divertimento “green”
A Suben, Austria, lo studio d'architettura Pointner+Pointner, insieme allo studio tecnico Wagner&Weitlaner Wasserwerkstatt OG, ha firmato il progetto per il rinnovamento di una vecchia piscina comunale in disuso, trasformandola in piscina naturale.

Il comune di Suben, in Alta Austria, disponeva di una piscina all'aperto che, a causa del suo impianto tecnico obsoleto, era chiusa da anni.

Grazie ad un progetto congiunto di riqualificazione fra lo studio d'architettura austriaco Pointer+Pointner insieme e lo studio tecnico per progettazione esterna Wagner&Weitlaner Wasserwerkstatt OG, dalla scorsa estate gli abitanti del paese possono godere nuovamente di uno spazio balneare.

Non si tratta di una piscina qualsiasi: la preesistenza è stata rivisitata ed adattata in ottica sostenibile per creare una piscina naturale. Un trend in rapida espansione, a vantaggio, non solo della natura, ma anche di chi fa il bagno, evitando di esporsi a sostanze chimiche.

La vecchia costruzione è stata demolita e sostituita da un volume sinuoso che si inserisce nella pendenza naturale del terreno e la cui copertura a tetto verde funge anche da solarium. L'edificio, in esecuzione massiccia, ospita oltre alla biglietteria, un piccolo bar, gli spogliatoi e i vani tecnici.

Le terrazze esistenti sulla collina sono state rinnovate con listoni in legno. Materiale che in analogia con i vecchi stabilimenti balneari è stato usato anche per la passerella che unisce la zona “prendisole” con la parte di piscina riservata ai tuffi.Troviamo una riva “bassa” con piccola spiaggia di ciottoli, adatta a chi non sa nuotare e per la gioia dei bambini, inoltre ci sono due aree gioco attrezzate: una nell'acqua stessa e una nella sabbia.Essendo una piscina naturale non necessita di riscaldamento, mentre l'acqua calda per l'edificio si produce con un impianto solare.Passare una giornata a chilometro zero e a bassissimo impatto ambientale con divertimento assicurato per tutta la famiglia: a Suben oramai è una piacevole realtà.



Progettazione acqua e landscaping: Wagner&Weitlaner WasserWerkstatt OG, http://www.wasserwerkstatt.at
Progetto edificio: Pointner+Pointner, Architekturbüro Freistadt-Altstadt, http://www.pointnerpointner.com/
Luogo: Suben, Alta Austria
Anno: 2011
Fotografie: Courtesy of Wagner&Weitlaner WasserWerkstatt OG


GALLERY



Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×