01-10-2019

Un progetto sostenibile per il complesso scientifico Campus MIL dell'Université de Montréal

Menkès Shooner Dagenais LeTourneux Architectes, NFOE Architects, Lemay,

Benjamin Seropian, Stéphan Groleau,

Montréal, Canada,

Università, Scuole & Università,

Il team, composto da Menkès Shooner Dagenais LeTourneux | Lemay | NFOE Architects, ha realizzato il nuovo complesso delle scienze presso il Campus MIL dell'Université de Montréal. Si tratta di un progetto che mira alla sostenibilità ambientale e sociale.



  1. Blog
  2. Architettura Sostenibile
  3. Un progetto sostenibile per il complesso scientifico Campus MIL dell'Université de Montréal

Un progetto sostenibile per il complesso scientifico Campus MIL dell'Université de Montréal La scorsa settimana Montréal, in Canada, ha visto mezzo milione di persone riversate nelle strade, in occasione delle manifestazioni mondiali d’azione contro la crisi climatica. Una città in cui il tema della sostenibilità è molto sentito, come constatato con i nuovi headquarter dello studio Lemay. Studio che è, insieme a Menkès Shooner Dagenais LeTourneux e NFOE Architects, anche dietro al progetto del complesso delle scienze del nuovo campus MIL dell'Università di Montréal, inaugurato lo scorso 20 settembre.
Tale nuovo grande complesso scientifico mira alla certificazione LEED per le nuove costruzioni nella categoria Gold. 
L’intervento copre quasi 60.000 m² e ospiterà circa 200 tra professori e ricercatori, nonché 2.000 studenti dei dipartimenti di chimica, fisica, geografia e scienze biologiche. 
Situato sul sito dell'ex stazione di smistamento dell'Outremont, all'incrocio di quattro comuni e di una città (Outremont, l'Altopiano Mont-Mont-Royal, Rosemont Petite-Patrie, Villeray-Saint-Michel-Parc-Extension e la città di Mount Royal), questo primo progetto del Campus MIL rivitalizzerà un intero settore urbano attraverso l'introduzione di un quartiere creativo e innovativo.
Il Complesso Scientifico, pensato per essere un luogo di sinergia a sostegno dell'innovazione scientifica, è costituito da due poli, quello scientifico e quello didattico, articolati su entrambi i lati di un asse nord-sud, ovvero "la linea blu", il filo conduttore che collega i quartieri ai lati dei binari ferroviari, degli spazi verdi, dei luoghi pubblici e degli edifici universitari. 
Fulcro del progetto è la biblioteca che unisce appunto i due poli, rivelando i molteplici livelli di collegamento fra piano terra e interrato. Questa, situata al di sotto della linea blu, si estende lungo due grandi cortili verdi, i quali offrono una vista sugli edifici del complesso, aprendosi alle altre componenti urbane. Inoltre, l’adiacente agorà è un importante punto di intersezione, nonché luogo di incontro per studenti, insegnanti e ricercatori, in cui possono raccogliere e scambiare idee.
L’università desiderava, per questo nuovo campus, un'identità unificante e il team progettuale ha cercato così di dare vita a una connessione del campus a Mont Royal, suggerendola sia attraverso l’uso di simbologie che con la storia stessa dell'Università. E lo hanno fatto utilizzando tanto la progettazione architettonica quanto le prospettive. Con un tale espediente progettuale hanno portato quindi la natura all'interno del campus, sia concretamente, nei giardini dell’agorà, con specie autoctone di Mont Royal e altri spazi verdi, sia attraverso il nuovo paesaggio urbano, movimentato da edifici e collegamenti pedonali.
In fine simboli serigrafati, che ricordano i binari della vecchia stazione di smistamento, sono integrati nel vetro dell'involucro dell'edificio, i quali contribuiscono all'identità visiva del progetto e a migliorare il comfort termico dell’interno.
Il complesso scientifico Campus MIL dell'Université de Montréal diventa così un nuovo landmark sostenibile nel paesaggio urbano della città canadese.

Christiane Bürklein

Progetto: Menkès Shooner Dagenais LeTourneux | Lemay | NFOE Architects
Luogo; Montréal, Canada
Anno: 2019
Immagini: Stéphan Groleau, Benjamin Seropian
 

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×