10-07-2018

Spazi Omicron, incontro tra le culture nello Vorarlberg

Martin Rauch - Lehm Ton Erde, Anna Heringer,

Stefano Mori,

Klaus, Austria,

Headquarters, Edifici Commerciali,

Legno, Terra battuta, Tessuto,

Interior Design,

Un progetto che unisce materiali della tradizione costruttiva, come terra battuta e stoffe del Bangladesh, e una realtà austriaca.



  1. Blog
  2. Materiali
  3. Spazi Omicron, incontro tra le culture nello Vorarlberg

Spazi Omicron, incontro tra le culture nello Vorarlberg Un progetto che unisce materiali della tradizione costruttiva, come terra battuta e stoffe del Bangladesh, e una realtà austriaca. Il progetto per gli spazi dell’azienda Omicron nasce dalla collaborazione tra lo Studio Anna Heringer e Lehm Ton Erde di Martin Rauch.


Klaus è una piccola cittadina nello Vorarlberg in Austria, dove oltre ai vigneti ci sono anche delle realtà industriali all’avanguardia, tra cui l’azienda Omicron che sviluppa prodotti e servizi innovativi per l'industria dell'energia elettrica. Per la realizzazione delle sale riunioni sono intervenuti due architetti noti per la loro attenzione alla sostenibilità e l’utilizzo di materiali costruttivi naturali, Anna Heringer dello studio omonimo e Martin Rauch di Lehm Ton Erde Baukunst GmbH.
Il progetto consiste in 3 sculture abitabili, lo zeppelin, il monolite e il pool, manifestando l’impegno a sostenere l'artigianato locale austriaco, così come i progettisti sono soliti fare in Bangladesh e in India. L'obiettivo è quello di creare uno spazio condiviso per i dipendenti Omicron e, allo stesso tempo, di produrre un impatto socio-economico. Il tutto grazie all’impiego di artigiani locali, nonché dando anche una mano allo sviluppo nel Sud del mondo.
Lo zeppelin è una sala riunioni sospesa che si illumina di notte e illumina lo spazio. La struttura in legno locale è rivestita di uno strato in seta tessuta a mano da Little Flower, un progetto per lebbrosi in India. All’interno troviamo i colorati tessuti del Bangladesh, creati dalla ONG Dipshikha, gli stessi che vivacizzano anche i cuscini fatti a mano con i quali è riempito il pool in terra battuta. Si tratta di uno spazio inserito nel pavimento, aperto, ludico e informale per il relax sotto lo zeppelin.
Il monolite è la struttura più sperimentale di questo intervento, in quanto porta in Austria la più elementare tecnica di costruzione in terra, lo Zabur, come viene utilizzato in Ghana. La struttura presenta due piani e le sue pareti in argilla, non stabilizzata, hanno uno spessore di soli 15 centimetri, coperti poi da una cupola portante anch’essa in argilla. La normativa austriaca prevede purtroppo, oltre a una fondazione in acciaio, l'aggiunta di due anelli orizzontali in acciaio e di un anello per l'apertura centrale della luce, quali elementi stabilizzanti. A parte questi il monolite è stato costruito a mano, portando la terra, elemento più vicino al corpo umano nello scambio di calore e umidità, all’interno di un’azienda hi-tech. Un materiale antico altamente performante, in quanto attenua anche il rumore e assorbe gli odori, migliorando in modo significativo la qualità e il comfort degli spazi interni, permettendo così agli utenti di riattivare la loro memoria ancestrale attraverso il tatto e l'olfatto.
Si tratta di un materiale low-tech con prestazioni high-tech, come spiegano Anna Heringer e Martin Rauch, in quanto la terra incorpora tutti i requisiti di sostenibilità, dalla poca energia necessaria per la sua produzione alle prestazioni tecniche, rispondendo da millenni ai bisogni abitativi. L’intervento dei due architetti per Omicron è quindi un ottimo esempio di applicazione della terra nei progetti d’interni, nonché un manifesto per un’architettura che nella sua sostenibilità intrinseca unisce e valorizza culture artigianali di paesi diversi.

Christiane Bürklein

Concept and design: Anna Heringer and Martin Rauch
Team Studio Anna Heringer: Stefano Mori, Timur Ersen
Main contractor/execution: Lehm Ton Erde Baukunst GmbH
Overall design coordination: Dietrich | Untertrifaller Architekten ZT GmbH
Consultant structural engineer: GBD (Dornbirn, Austria)
Consultant light planning: Bartenbach GmbH (Aldrans, Austria)
Consultant acoustics: Müller BBM (Planegg, Austria)
Location: Oberes Ried, 6833 Klaus, Vorarlberg
Client: OMICRON electronics GmbH
Completion date: September 2015
Floor area: 220 m2
Suppliers: Berle Manfred Raumausstattung, Dipshikha, Dipshikha Handicrafts, Little Flower
Images: Stefano Mori
Potete aiutare la campagna crowdfunding DidiTextiles:  https://wemakeit.com/projects/didi-textiles

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature