26-07-2019

Mostra Olafur Eliasson In real life alla Tate Modern Londra

Olafur Eliasson,

Anders Sune Berg,

Londra,

Mostre,

Per chi fosse a Londra nei prossimi mesi, ecco una mostra da non perdere.



  1. Blog
  2. News
  3. Mostra Olafur Eliasson In real life alla Tate Modern Londra

Mostra Olafur Eliasson In real life alla Tate Modern Londra Per chi fosse a Londra nei prossimi mesi, ecco una mostra da non perdere. Olafur Eliasson: In real life presso la Tate Modern. La mostra esplora la geometria come tema principale, in quanto continua a caratterizzare la pratica artistica di Eliasson, inoltre indaga il suo profondo impegno nelle questioni sociali e ambientali.


L’artista Olafur Eliasson torna a Londra con una grande mostra dedicata alla sua carriera artistica. Nel 2003, la sua installazione The weather project segnò una svolta per l'arte contemporanea, trasformando l'iconica Turbine Hall in uno spazio sociale, in cui una scultura si legava all'esperienza dello stare insieme ad altri visitatori.
Nei 16 anni trascorsi da quell'opera, Eliasson è stato celebrato a livello internazionale come uno degli artisti contemporanei più entusiasmanti. Con questa esposizione, per la prima volta, il pubblico britannico può quindi finalmente scoprire l'intera gamma delle sue opere che abbracciano tre decenni. Alla Tate Modern troviamo allora esposte circa 40 opere, tra cui alcune create appositamente per questa occasione.
Eliasson ha trascorso molto tempo in Islanda da bambino e i fenomeni naturali come l'acqua, la luce e la nebbia sono stati i principali elementi di indagine nel corso della sua carriera. Questo lo si nota già all’esterno della Tate Modern, dove lo spettatore viene accolto da Waterfall 2019, una nuova e spettacolare installazione di oltre 11 metri di altezza. Mentre altri lavori esposti affrontano l'impatto dell'uomo sull'ambiente, tra cui una serie di fotografie dei ghiacciai islandesi scattate dall'artista nel 1999. Queste saranno sostituite in autunno da una nuova opera d'arte che le incorporerà in una serie di fotografie scattate 20 anni dopo, in modo da illustrare i cambiamenti che stanno avvenendo in questo paesaggio naturale.
Eliasson infatti crea opere che spingono lo spettatore a riflettere continuamente sulla natura della propria percezione. Molte delle sue installazioni giocano non a caso con i riflessi, le inversioni, le immagini successive e i colori cangianti, per sfidare il modo in cui usiamo e percepiamo i nostri ambienti.
In particolare questa mostra la geometria, la stessa che continua a caratterizzare la pratica di Eliasson, attraverso molte opere realizzate con complesse forme a incastro e strutture cristalline, come ad esempio Stardust particle 2014. Un punto focale dell'esposizione è l'ampia Model Room 2003 che riunisce circa 450 fra modelli, prototipi e studi geometrici di diverse dimensioni, testimonianze della collaborazione di Eliasson con il suo team di studio e, in particolare, con l'artista, matematico e architetto islandese Einar Thorsteinn (1942-2015).
La mostra culmina con uno spazio chiamato The Expanded Studio, il quale esplora il profondo impegno di Eliasson in merito alle questioni sociali e ambientali. Tra questi progetti troviamo: Little Sun, lanciato per la prima volta alla Tate Modern nel 2012, che fornisce lampade a energia solare e caricabatterie alle comunità senza accesso all'elettricità; Green light e Ice Watch, un'installazione con ghiaccio dalla Groenlandia, che mira ad aumentare la consapevolezza dell'emergenza climatica.
Olafur Eliasson: In real life è accompagnata da una serie di eventi pubblici in tutta la galleria e nel Terrace Bar, oltre che da un nuovo catalogo della Tate Publishing che permette di conoscere il pensiero di Eliasson attraverso conversazioni tra l'artista e una vasta gamma di collaboratori tra cui architetti, musicisti, cronobiologi e neuroscienziati. Dopo la presentazione alla Tate Modern, la mostra sarà esposta al Guggenheim Museum Bilbao dal 14 febbraio al 21 giugno 2020.

Christiane Bürklein

Mostra: Olafur Eliasson: In real life
dall’11 luglio 2019 al 5 gennaio 2020
Tate Modern, Londra
curata da Mark Godfrey, Senior Curator, International Art, ed Emma Lewis, Assistant Curator, in stretta collaborazione con lo Studio Olafur Eliasson
Immagini: Installation views -  Tate Modern, London, 2019- Photo: Anders Sune Berg - Courtesy the artist; neugerriemschneider, Berlin; Tanya Bonakdar Gallery, New York / Los Angeles - © 2019 Olafur Eliasson

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×