23-07-2021

Floating Realities, una Spa a Ginevra firmata BUREAU

BUREAU (Daniel Zamarbide, Carine Pimenta and Galliane Zamarbide),

Dylan Perrenoud,

Ginevra, Svizzera,

Salute & Benessere,

Interior Design,

Lo studio di architettura BUREAU ha realizzato il rinnovamento di una spa a Ginevra. Lo studio si è confrontato con l’idea del benessere psicofisico che parte dal fluttuare del corpo nell’acqua, in uno stato di sospensione fluida. Per esaltare l’esperienza rilassante della Spa, gli architetti disegnano un universo a se stante dominato dai colori pastello.



  1. Blog
  2. Design
  3. Floating Realities, una Spa a Ginevra firmata BUREAU

Floating Realities, una Spa a Ginevra firmata BUREAU Tra i trend del benessere offerte nelle Spa troviamo il “Floating”. Si tratta di un metodo di rilassamento naturale il cui principio è semplice: ci si sdraia in una vasca con acqua a temperatura corporea caricata con sale di Epsom. Quest’ultimo è magnesio solfato eptaidrato, un minerale naturale che favorisce il rilassamento e la riduzione di gonfiori. In pratica si galleggia in questa vasca in uno stato di sospensione come antidoto al nostro mondo frenetico e stressante.
Per offrire questo servizio, una Spa di Ginevra ha voluto ripensare i propri interni, per offrire ai propri clienti un’esperienza davvero unica che potesse esaltare i benefici del trattamento.
I proprietari di ORIGIN si sono quindi rivolti allo studio di architettura BUREAU di Daniel Zamarbide, Carine Pimenta e Galliane Zamarbide che hanno accolto la richiesta con l’eclettismo che distingue lo distingue.
Quello che colpisce è sopratutto la palette dei colori. Sappiamo che i colori pastello hanno un’influenza benefica sulla nostra percezione. Un ambiente particolare, dedicato al relax e alla rigenerazione come una Spa, è quindi il luogo ideale per darsi ai colori tenui e sereni. Perché qui il potere dei colori si amplifica proprio per via dell’ambiente protetto in cui ci si trova. 
Così gli architetti dello studio BUREAU hanno deciso di fare riferimento all’artista visiva iraniana Shirana Shahbazi che vive a Zurigo. Le sue opere d'arte concettuale, che si basano su fotografie e sono classificate come minimaliste nelle arti visive postmoderne, hanno ricevuto attenzione internazionale. 
Dice l’architetto Daniele Zamarbide che trova nelle immagini della Shabazi “viaggi attraverso sensazioni, realtà vissute, momenti precisi ma anche relazioni imprecise, liquide, senza bisogno di spiegare, certamente con l'impossibilità di spiegare tutto”. Non servono spiegazioni in quanto queste immagini evocano delle sensazioni e creano delle esperienze assolutamente personali. Lo stesso obiettivo che BUREAU segue nell’interior design della Spa per rendere la permanenza qualcosa di speciale.
Per questo il progetto di interior design si basa su una sequenza graduale, introducendo il cliente in uno spazio “che propone una pausa insulare, fuori da tutto ma con una forte interiorità”, come raccontano gli architetti.
Entrando nella spa, si entra in un mondo magico e lentamente, passo per passo, ci si avvicina verso la vasca dove si fluttua. Questo passaggio è scandito da tende, binari, linee verticali, superfici orizzontali, scaffali, panche, linee, la griglia di piastrelle come misura guida. Il tutto contribuisce a creare delle cornici percettive che vengono alterate da macchie di colore pastello. Si ha quindi l’impressione di lasciarsi tutto alle spalle e di entrare in un mondo a parte. Proprio quello che si vuole raggiungere per aumentare l’effetto del trattamento.
Ma BUREAU, fedele alla loro vocazione, introduce elementi di disturbo in questo universo parallelo di 190 metri quadrati. Troviamo all'interno di questo percorso piuttosto astratto, una serie di elementi figurativi che perturbano una possibile purezza, o coerenza integrale. Panchine, un "objet-trouvé" della tradizione dei parchi urbani di inizio secolo. Un gesto progettuale che aggiunge un tocco surrealista e giocoso in questo ambiente dedicato al relax per un’esperienza davvero memorabile.

Christiane Bürklein

Project: BUREAU
Location: Geneva, Switzerland
Year: 2020
Images: Dylan Perrenoud 

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature