20-03-2019

Dans l’Escarpement, un dialogo con il paesaggio

YH2 - Marie-Claude Hamelin, Loukas Yiacouvakis,

Montréal, Canada,

Housing, Ville, case vacanze,

Lo studio di architettura canadese yh2 di Marie-Claude Hamelin e Loukas Yiacouvakis ha realizzato, non lontano da Montreal, una casa in grado di rappresentare il dialogo esistente tra topografia del luogo e vista sul paesaggio lacustre che la circonda.



  1. Blog
  2. Eventi
  3. Dans l’Escarpement, un dialogo con il paesaggio

Dans l’Escarpement, un dialogo con il paesaggio Lo studio di architettura canadese yh2 di Marie-Claude Hamelin e Loukas Yiacouvakis ha realizzato, non lontano da Montreal, una casa in grado di rappresentare il dialogo esistente tra topografia del luogo e vista sul paesaggio lacustre che la circonda. Un progetto che nasce nell’ambito di una vecchia tenuta su di una scogliera da cui prende il nome.


Costruire nella natura è sempre una grande sfida per gli architetti, se poi ci si aggiunge anche una topografia particolare, allora siamo di fronte a un dialogo davvero intenso tra architettura e natura. É il caso dell’ultimo progetto dello studio di architettura canadese yh2 di Marie-Claude Hamelin e Loukas Yiacouvakis. Si tratta di una casa letteralmente appesa a una scogliera, come suggerisce il suo nome, "Dans l'Escarpement", in francese, con una vista impareggiabile sui laghi che la circondano e situata a un'ora e mezza da Montreal 
I committenti hanno incaricato gli architetti di progettare la loro casa in modo tale che si fondesse con la collina e quindi causando il minor disturbo possibile all'ambiente circostante. Così gli architetti di yh2 hanno progettato l'abitazione intorno a due scatole di cemento, la prima verticale e la seconda orizzontale, unite fra loro da un terzo volume completamente vetrato. 
L'ingresso principale e la suite privata dei proprietari si trovano al livello superiore del volume verticale su 3 piani, allo scopo di assecondare l’andamento della collina. All'esterno dominano cemento, corten e vetro, per inserire al meglio la casa nel contesto. In particolare il calcestruzzo a vista qui è stato utilizzato in esterno per ferendosi simbolicamente con gli enormi massi caratteristici del territorio.
All’interno invece il materiale prevalente è il mogano, selezionato per le sue qualità durature e le ricche sfumature calde. Nella zona living, pavimenti, soffitti, travi, infissi e mobili sono tutti rifiniti con questo legno scuro che ricorda gli svettanti alberi a pochi passi di distanza. E non solo, date le vetrate in questo spazio la luce è in continuo movimento, intrecciando visivamente interni ed esterni. Inoltre, mantenendo la stessa palette di colori, è stato introdotto l'acciaio corten per il camino e il rivestimento esterno. 
Il dialogo con il contesto è a sua volta  rafforzato dalla passerella metallica che garantisce l'accesso pedonale. Questa si estende da un garage in cemento, attiguo all’ingresso alla proprietà, diventando un ponte verso l'abitazione. Una soluzione progettuale che crea, soprattutto nei giorni di nebbia, la sensazione di muoversi verso una casa sull'albero che appare come galleggiare a mezz’aria, rafforzando ulteriormente il contatto con la natura, quasi a preparare gli utenti a un soggiorno in un luogo dall'aspetto onirico, dove ricaricarsi e lasciarsi lo stress alle spalle.

Christiane Bürklein

Project: yh2 - https://www.yh2architecture.com/
Location: Domaine Valdurn, Saint-Faustin-Du-Lac-Carré, Canada
Year: 2017
Photographer: Maxime Brouillet

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×