20-08-2015

Bureau A: architettura, moda e ...bambini

Svizzera, Ginevra, Svizzera,

Lo studio creativo svizzero Bureau A ha realizzato a Ginevra il progetto d'interni per L'Asticot, marca svizzera di abbigliamento per bambini.



  1. Blog
  2. Design
  3. Bureau A: architettura, moda e ...bambini

Bureau A: architettura, moda e ...bambini Lo studio creativo svizzero Bureau A ha realizzato a Ginevra il progetto d'interni per L'Asticot, marca svizzera di abbigliamento per bambini. Uno spazio che colpisce per le citazioni architettoniche e la sua pulizia apparentemente così lontana dall'immaginario dei bambini.



Bureau A è uno studio creativo svizzero dalle mille sfaccettature, come i nostri lettori hanno potuto constatare nel corso degli anni (link).





Hanno firmato a Ginevra l'interior design del flagship store L'Asticot, marca svizzera di abbigliamento per bambini, dove si sono lasciati inspirare non da un mondo a colori melliflui e sdolcinati, come spesso si trova in ambienti destinati ai bambini, ma dall'architettura russa degli anni '20!



I progettisti di Bureau A partono dal preciso riferimento al gruppo OSA (Organzation of Contemporary Architects), associazione di architetti tra cui si trovano nomi illustri del modernismo russo quali Kazimir Malevich, il quale vedeva il ruolo dell'architetto molto più ampio di quanto non succeda oggi. Non solo colui che progetta, ma sociologo per i tempi a venire, politico dell'ambiente costruito e tecnico addestrato per creare il futuro.





Il modello architettonico che esce da questi studi e ispirazioni campeggia sul mobile espositore bianco nel locale di attesa quasi asettico, il quale diventa, insieme al colore dei vestiti, il fulcro degli interni. Posizionata invece sotto a un neon a forma di nuvola troviamo una città bianca con architetture moderniste dai volumi importanti. Piccole figure umane ravvivano la scena che all'adulto potrebbe ricordare vagamente il setting di un racconto di P.K. Dick.



Un mondo fantastico senza castelli con merletti, principi e fate, ma con architetture utopiche sovietiche, altrettanto adatte a lasciare spazio alla fantasia dei bambini che qui possono giocare, sia con la struttura che con il modello. 
E per chi fosse scettico sull'impatto che il progetto ha sui bambini, consigliamo di chiedere ai propri figli, i quali sono meno amanti delle cose “carine” di quanto noi si pensi. Inoltre sanno perfettamente che l'architettura disegna la nostra realtà, a conferma del ruolo ambivalente dell'architetto modello OSA!

Christiane Bürklein

Progetto: Bureau A
Luogo: Ginevra, Svizzera
Anno: 2015
Fotografie: Dylan Perrenoud
Modello costruito in collaborazione con collectif galta: Amélie Freyche, Antoine Guay, Aurélien Reymond, Gaspar Reverdin & Jessica Brancato

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×