25-04-2018

Atelier YokYok, The Cube a Les Abattoirs, Toulouse.

Atelier YokYok,

Atelier YokYok,

Expo,

Interior Design, Mostra,

Gli architetti francesi di Atelier YokYok partecipano con The Cube alla mostra 100 contestations possibles presso Les Abattoirs Musée-FRAC Occitanie di Toulouse.



  1. Blog
  2. Design
  3. Atelier YokYok, The Cube a Les Abattoirs, Toulouse.

Atelier YokYok, The Cube a Les Abattoirs, Toulouse. Gli architetti francesi di Atelier YokYok partecipano con The Cube alla mostra 100 contestations possibles presso Les Abattoirs Musée-FRAC Occitanie di Toulouse. The Cube gioca con i concetti dell'anamorfosi e invita all'esplorazione spaziale.


L'anamorfosi è “un tipo di rappresentazione pittorica realizzata secondo una deformazione prospettica che ne consente la giusta visione da un unico punto di vista (risultando invece deformata e incomprensibile se osservata da altre posizioni)”. Su Livegreenblog abbiamo già presentato alcuni interventi di questo tipo, tra cui un'anamorfosi realizzata da Atelier YokYok a Parigi.
Questa volta gli architetti di Atelier YokYok vanno oltre, applicando gli stessi principi, la deformazione prospettica a seconda dal punto di vista, a un oggetto tridimensionale: un cubo. Ovvero uno dei cinque solidi di Platone, il poliedro simmetrico per eccellenza in questo caso è rosso in riferimento al colore simbolo della contestazione che raffigura. Tra arte e architettura, The Cube è concepito come un'opera d'arte utile poichè funzionale. Infatti il visitatore può percorrerlo sia visivamente che fisicamente.
L'intervento di Atelier YokYok è composto da molti volumi geometrici sparsi nello spazio, veri elementi di arredo, i quali però solo se osservati da un determinato punto di vista si confondono e formano un'unica entità: un cubo. Nel momento in cui il corpo umano entra in questa installazione appropriandosene la stessa si combina con l'illusione ottica dell'anamorfosi, diventando parte del gioco di percezioni. Le persone sedute sugli elementi, collocate a distanze differenti dall'osservatore, appaiono all'interno della prospettiva del cubo simulato, creando così degli effetti ottici davvero sorprendenti, a prova di quanto poco affidabile sia ciò che vediamo.
Analogamente ad artisti come Georges Rousse o Felice Varini, Atelier YokYok lascia un segno nella storia artistica dell'anamorfosi con il suo volume tridimensionale. The Cube infatti stimola a inventare nuove prospettive attraverso l'uso collettivo, lo stesso in cui tutti i partecipanti sono invitati a occupare lo spazio e trovano un posto.
Inserito a Les Abattoirs – Frac Occtianie Toulouse, il museo di arte moderna e contemporanea sorto nel 2000 sul sito dei vecchi macelli della città, The Cube fa parte della mostra 100 contestations possibles, prodotta in partneriato con CIAM, Centre d’Initiatives Artistiques du Mirail e il Master Métiers de l’Art, régie, documentation, numérique, in occasione dei 40 anni del CIAM e del 50° anniversario delle proteste del '68. La mostra e quindi The Cube sono visitabili fino al 26 aprile.

Christiane Bürklein

Progetto: Atelier YokYok
The Cube, all'interno della mostra “100 contestations possibles”
dal 5 al 26 aprile 2018
a Les Abattoirs Musée-FRAC Occitanie, Toulouse, Francia
http://www.lesabattoirs.org/expositions/100-contestations-possibles
Immagini: Atelier YokYok