19-09-2019

Acabado Mate, ristrutturazione di un appartamento a Barcellona

Acabado Mate,

Marcela Grassi,

Barcellona, Spagna,

Housing, Appartamenti,

Recupero, Interior Design,

Gli architetti Alessandra Faraone e Valeria Merola, fondatrici dello studio Acabado Mate a Barcellona, hanno realizzato il recupero ad abitazione di un ex studio medico. Un intervento di grande eleganza che ripensa gli spazi in funzione della vita quotidiana, massimizzando la luce naturale.



  1. Blog
  2. News
  3. Acabado Mate, ristrutturazione di un appartamento a Barcellona

Acabado Mate, ristrutturazione di un appartamento a Barcellona Molti dei progetti che presentiamo sulle pagine del blog sono opere di recupero e restauro architettonico, ed è esattamente la laurea specialistica conseguita dai due architetti italiani Alessandra Faraone e Valeria Merola, stabilitesi con il loro studio Acabado Mate a Barcellona.
Nella capitale catalana troviamo il loro progetto Lluis Company che prende il nome proprio dal Paseo Lluis Companys, al confine tra Ciutat Vella e l’Eixample. La casa si trova all'ultimo piano di un edificio del 1940 e il suo impianto originario si distingue per una pianta allungata distribuita da un lungo corridoio, in cui gli ambienti più ampi sono situati sulle due facciate principali. Essendo stato utilizzato precedentemente come studi medico, l’appartamento presentava molte divisioni e doveva essere completamente ripensato, al fine di diventare abitabile da una famiglia.
In linea con il loro approccio di migliorare la qualità degli spazi abitativi, promuovendo il dialogo tra esistente e nuovo, naturale e artificiale, nel rispetto, nell'attenzione e nella collaborazione con l'utente finale, le progettiste hanno analizzato la preesistenza che presentava: una porta d'accesso situata al centro del piano allungato, la quale divideva nettamente lo spazio in due zone opposte collegate dal corridoio; nella facciata principale, tre doppie finestre affacciate su Montjuic in grado di inondare lo spazio di luce naturale; mentre quella posteriore, costituita da un lungo balcone, si apriva verso via Buenaventura Muñoz. Inoltre, la parte centrale, illuminata da due cortili interni, faceva sì che ogni stanza presentasse una fonte di luce e aria naturale.
Alessandra Faraone e Valeria Merola con il loro progetto quindi lavorano su tutto ciò, interrompendo la linearità del corridoio e inserendo tre volumi strategicamente posizionati, i quali non raggiungono il soffitto e sono dipinti in un colore distinto dalle pareti. Questi elementi alterano la gerarchia spaziale dell’abitazione, creano spazi ibridi, anche perché fungono da contenitori. Le aperture interne moltiplicano le prospettive e le porte scorrevoli accentuano la fluidità dello spazio, che può essere modellato secondo le esigenze degli utenti.
Dall’altro lato del corridoio si trovano un'area guardaroba e uno studio, mentre sulla facciata principale i due ambienti originali si fondono in un soggiorno/sala da pranzo comunicante con la cucina. La zona notte invece, con due grandi camere da letto, unite da un balcone, è disposta sul retro.
Fedeli alla loro idea di voler generare spazi funzionali ed emozionali allo stesso tempo, senza imporsi come icone, le progettiste di Acabado Mate presentano una serie di interventi garbati, quasi silenziosi, in dialogo con l'identità del luogo e le aspettative proiettate dagli utenti in esso. Un approccio dalle grandi soddisfazioni, come raccontano Alessandra Faraone e Valeria Merola. Perché quando sono tornate oltre un anno dopo aver consegnato la casa ristrutturata ma vuota al committente, per realizzare le immagini con la fotografa di architettura Marcela Grassi, hanno trovato un’abitazione serena e accogliente, arredata con amore e gusto, dove il lavoro degli architetti è diventato lo sfondo armonico della vita quotidiana.

Christiane Bürklein

Progetto: Acabado Mate - https://www.acabadomate.com
Luogo: Barcellona, Spagna
Anno: 2016
Immagini: Marcela Grassi - https://marcelagrassi.com/

Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×