11-09-2019

Behnisch Architekten – Robert L. Bogomolny Library, University of Baltimore

Behnisch Architekten,

David Matthiessen,

Baltimora, USA,

Biblioteche,

SpazioFMGperl'Architettura, The Architects Series, Iris Ceramica Group,

La trasformazione della Robert L. Bogomolny Library, progettata dallo studio Behnisch Architekten, è un'architettura rispettosa del progetto originale dell'edificio e della sua memoria storica. Lo studio Behnisch Architekten sarà protagonista di un nuovo appuntamento di The Architects Series il format culturale di SpazioFMGperl'Architettura, la galleria milanese di Iris Ceramica Group.



Behnisch Architekten – Robert L. Bogomolny Library, University of Baltimore

Behnisch Architekten, studio tedesco con sede a Stoccarda e uffici in varie parti del mondo, è il protagonista del decimo episodio di The Architects Series. Il format culturale che il magazine The Plan cura per SpazioFMGperl’Architettura, galleria espositiva e showroom milanese di Iris Ceramica e FMG Fabbrica Marmi e Graniti, top brand di Iris Ceramica Group.
Lo studio Behnisch Architekten è stato fondato a Stoccarda nel 1989, come filiale di Behnisch & Partner di Günter Behnisch. Dal 1991, sotto la guida di Stefan Behnisch, lo studio d'architettura è diventato indipendente. Proprio l'architetto Stefan Behnisch sarà presente il 19 settembre in occasione dell'inaugurazione del decimo episodio di The Architects Series e terrà una lecture dal titolo "Architettura per un futuro più Sostenibile". Attraverso la lecture e il docu-film, realizzato dal magazine The Plan, sarà possibile immergersi completamente nel modus operandi dello studio Behnisch Architekten e nei suoi progetti, esempi di architetture sostenibili in costante dialogo con il contesto naturale e urbano in cui sono inserite.

Un esempio del modus operandi dello studio Behnisch Architekten è il progetto di ristrutturazione e trasformazione della Robert L. Bogomolny Library a Baltimora, negli Stati Uniti. Il nuovo edificio rispetta la memoria e la storia del progetto originale, costruito nel 1965, ma allo stesso tempo lo trasforma in una biblioteca contemporanea, incorporando nuove tecnologie e creando spazi flessibili adatti a soddisfare le moderne esigenze di studio e di ricerca e a ospitare altri tipi di iniziative ed eventi. L'edificio, situato all'incrocio tra la Maryland Avenue e l'Oliver Street, sorge a poca distanza dalla Baltimore Pennsylvania Station (o Penn Station) e da altri importanti punti di riferimento del campus dell'Università di Baltimora.
Gli architetti hanno rispettato quella che era l'immagine iniziale dell'edificio: una scatola galleggiante che conserva tutti i tesori della biblioteca. Il pianoterra vetrato permette di leggere il volume superiore come staccato da terra e sospeso. A ovest, lo spazio che in precedenza era occupato da un aditorium, è stato sostituito da una Glass Hall, un elemento che anche geometricamente si differenzia immediatamente dall'edificio presistente e diventa un landmark urbano significativo lungo Oliver Street, segnalando ai passati l'importante cambiamento nella vita della biblioteca. La Glass Hall con la sua riconoscibilità letta da un punto di vista urbano diventa un forte e accogliente simbolo dell'impegno dell'Università nella città. Da un punto di vista architettonico questo elemento vetrato e inclinato crea nuovi assi visivi e spazi informali per aree di lavoro e di relazione inondate dalla luce solare. La sua trasparenza e luminosità sono esaltate da partizioni interne vetrate, la sua geometria favorisce la circolazione interna, connettendo visivamente e direttamente i diversi livelli. Il suo layout flessibile, con le sue grandi vetrate trasparenti, ha ridotto l'impatto della ristrutturazione sulla struttura originaria dell'edificio, contenendone anche i costi. La Glass Hall diventa la rappresentazione architettonica di un nuovo modo di utilizzare la biblioteca, dove lo studio e l'interazione sono principi fondamentali.

(Agnese Bifulco)

Architect: Behnisch Architekten, Boston https://behnisch.com
Design team: Shir Gale, Taylor Rogers, Magda Czolnowska, Martin Werminghausen, Christian Voerman, Blair Ekleberry, Nick Nuccio, Piper Ainsley
Consultants: Forella Group (Costmanagement), Core Design Studio (Landscape), Cagley and Associates (Structural engineers), Transsolar KlimaEngineering (Climate engineering), Cerami & Associates (Acoustics), MCLA Lighting Design (Lighting), University of Maryland Baltimore (Project Management), Mueller Associates (MEP), WFT Engineering (Fire Protection)
Client: University of Baltimore
Location: Baltimore, USA
Competition: 2014, 1st Prize
Planning and Construction: 2014-2018, completion date 09/2018
BGF: 58,000 sq.ft. / 5.388 m²
Images courtesy of Behnisch Architekten, photo by David Matthiessen


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×