15-01-2014

A+Architecture: teatro Jean-Claude Carrière a Montpellier

A+Architecture,

©Marie-Caroline Lucat,

Montpellier, Francia,

Tempo Libero, Teatri,

Legno,

Arte,

Tra i monumenti del Domaine d’O, a Montpeiller, si trova il teatro Jean-Claude Carrière, realizzato su progetto di A+Architecture. Costruita all’interno di un parco di 23 ettari, l’opera vuole essere un punto di riferimento visivo, un’architettura contemporanea ispirata alla maschera di Arlecchino. Costruita interamente in materiali riciclabili e di certificata provenienza, è un esempio dal punto di vista della sostenibilità.



A+Architecture: teatro Jean-Claude Carrière a Montpellier

Gli architetti A+Architecture (Philippe Bonon, Philippe Cervantes, Gilles Gal) hanno progettato un monumento all’interno del parco del Domaine D’O, un’area verde a vocazione culturale nel cuore della città di Montpeiller. Si tratta di un complesso che ospita sala teatrale e ristorante, situato all’interno della rigogliosa pineta del Domaine, un’opera di architettura contemporanea per la sua forma, ma ispirata all’immagine della storica maschera di Arlecchino. Considerata esemplare per la sua attenzione alla sostenibilità, è realizzata al 90% in materiali riciclabili e la sua struttura è composta di pannelli di multistrato di legno certificato PEFC (Programme Européen des Forêts Certifiées).

Con i prospetti rossi e le decorazioni sovrapposte a pannelli obliqui, il nuovo teatro emerge nella pineta del Domaine. Il complesso presenta l’ala del teatro in posizione di preminenza, mentre arretrato risulta il volume che ospita il ristorante, il quale gode della vista sul parco.

Salendo i pochi gradini e la rampa che conducono all’ingresso si accede al foyer che precede la sala teatrale. La facciata continua, scandita da decorazioni romboidali in legno e vetro, apre il teatro al dialogo con la piazza e la pineta circostante. Il soppalco al piano mezzanino offre un altro punto di vista interessante sul contesto. Oltre alla struttura, anche i rivestimenti e i dettagli interni di tutti gli ambienti, del ristorante annesso e della sala teatrale da 600 posti, cui si accede superando il foyer, sono in multistrato a vista: il legno offre una specifica valenza acustica e, nella finitura naturale, un legame con la drammaturgia, le scenografie, il palcoscenico e le quinte che fanno del teatro un ambiente mutevole in grado di trasformarsi in funzione dell’opera da rappresentare.

Impiegando il multistrato, i progettisti hanno ideato un’architettura costituita di pannelli prefabbricati e giunzioni a secco che fosse potenzialmente smontabile in ogni sua parte.


Lo scopo di questa e di tutte le scelte operate nel corso del progetto è stato ridurre al minimo il suo impatto ambientale, abbattendo della metà i consumi di un normale edificio, secondo i dati rilevati dai progettisti, e così meritando l’etichetta di low energy building (BBC). Una tra tutte, la decisione di installare sul palco solo luci a LED. La scomposizione in parti ha anche il vantaggio di un futuro smaltimento rapido ed efficiente. Infine per minimizzare l’impatto del cantiere sul sito del Domaine d’O, gli architetti si sono posti come obiettivo che non passasse più di un anno dalla concezione del progetto alla sua realizzazione. E così è stato.

Mara Corradi

Progetto: A+Architecture (Philippe Bonon, Philippe Cervantes, Gilles Gal)
Capiprogetto: Tiffanie Renard
Committente: Conseil Général de l’Hérault
Luogo: Montpellier (Francia)
Team: Spie Sud-Ovest, Darver, Structure bois couverture, Calder, Arteba, Celsius environnement
Superficie utile lorda: 2620 mq
Concorso: 2012
Inizio Progetto: 2012
Fine lavori: 2013
Struttura e facciate in pannelli KLH, in multistrato di legno massiccio
Pavimenti in legno e in gomma
Fotografie: ©Marie-Caroline Lucat

http://www.aplus-architecture.com
http://www.domaine-do-34.eu


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×