1. Home
  2. Architetti
  3. Biografie
  4. Afra e Tobia Scarpa

Afra e Tobia Scarpa

Afra e Tobia Scarpa

Protagonisti della design e della cultura italiana del ‘900, Tobia Scarpa (1935, figlio del celebre architetto Carlo) e la moglie Afra Bianchin (1937-2011) hanno iniziato la loro lunga collaborazione nel 1959, durante il corso di arredamento di Franco Albini, con il progetto della poltroncina Pigreco.

Entrambi laureati allo IUAV di Venezia nel 1969, hanno condiviso dozzine di celebri progetti, in particolare nel settore dei mobili, affermandosi come esponenti “di un’architettura e di un design eleganti e ricercati sia nelle forme sia nella scelta dei materiali” (Treccani). Senza aderire a tendenze e mode passeggere, ma “perseguendo piuttosto un’idea di prodotto durevole e corretto”, Afra e Tobia Scarpa hanno partecipato alla nascita della società Flos (1960), per la quale hanno in seguito realizzato numerose lampade (Fantasma, Biagio, Papillona, Pierrot).

Molte le committenze di rilievo (tra le altre B&B, Cassina, Fabbian, Gavina, Stildomus, Veas); nella loro produzione di poltrone, sedie e divani, spiccano le poltrone Coronado (1966), con l’innovativo utilizzo del poliuretano.

Oltre al prodotto industriale, l’attività dei coniugi Scarpa ha contribuito in modo determinante “alle nuove esigenze di organizzazione e rappresentazione delle imprese venete e lombarde” (Cattaneo).

Vincitori del Compasso d’Oro nel 1970, hanno inoltre instaurato un importantissimo e continuativo sodalizio professionale con l’impresa trevigiana Benetton, per la quale hanno realizzato il maglificio di Paderno (1964), gli stabilimenti di Castrette di Villorba (1980 e 1993), il restauro e la nuova funzionalità di Villa Spineda a Venegazzù (1999) e molti punti vendita (attività svolta anche per C&B, Geox, Unifor).

Gli Scarpa hanno progettato anche numerosi restauri in ambiente veneto, “ricercando una sintesi tra la continua sperimentazione di soluzioni innovative e l’approfondita conoscenza delle tecniche costruttive tradizionali”.

Afra e Tobia Scarpa opere e progetti famosi

- Restauro di Villa Spineda, Venegazzù, Treviso (Italia), 1999
- Sedia Veronica - Casas, 1991
- Lampade Papillona e Pierrot - Flos, 1977 e 1990
- Sedia Libert - Meritalia, 1989
- Casa Molteni, Padova (Italia), 1985
- Sistema di contenitori Torcello e letto Accademia - Stildomus, 1964 e 1981
- Magazzino robotizzato Benetton, 1980
- Studio distributivo e di arredo degli uffici Istat e Inps, 1979
- Casa Lorenzin, Abano Terme (Italia), 1976
- Arredamento dello show-room B&B, New York (USA), 1976
- Palazzina per uffici Maxaito, Novedrate (Italia), 1976
- Poltrona Bonanza e sedia Africa - B&B, 1970 e 1975
- Progetto di arredo per l’Hotel Danieli, Venezia (Italia), 1972
- Casa Scarpa, Trevignano (Italia), 1969
- Poltrona Modell 917 e sedia Soriana - Cassina, 1963 e 1969
- Applique Foglio, 1966
- Poltrona Coronado – B&B, 1966
- Lampade Fantasma e Biagio - Flos, 1962 e 1968
- Fabbrica di maglieria Benetton, Paderno di Ponzano (Italia), 1964
- Divano Bastiano e letto Vanessa - Gavina, 1961-62

Correlati: Michele De Lucchi

Correlati: Afra e Tobia Scarpa

Architetti più visti

Tadao Ando

17-07-2015

Tadao Ando

Bjarke Ingels - BIG

15-04-2014

Bjarke Ingels - BIG

Sou Fujimoto

27-11-2009

Sou Fujimoto

Zaha Hadid

10-08-2015

Zaha Hadid

Richard Meier

19-11-2013

Richard Meier


Correlati

21-01-2019

100 anni di Bauhaus

La Germania celebra i primi 100 anni dalla nascita del Bauhaus, la famosa scuola e movimento...

More...

17-01-2019

Architettura e natura come cura, Snøhetta progetta Outdoor Care Retreat

Per i pazienti lungodegenti di alcuni dei più importanti ospedali norvegesi è parte...

More...

18-01-2019

Open Future Matera Capitale Europea della cultura 2019

Una grande e straordinaria festa di paese animerà di musica i sassi e culminerà a...

More...



Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×