13-05-2021

Addio a Helmut Jahn

Helmut Jahn,

Chicago, USA,

Grattacielo, Centri Commerciali,

L'architetto tedesco Helmut Jahn è morto l'8 maggio in un incidente stradale, a Campton Hills, a 100 km da Chicago. Città dove aveva studiato e si era stabilito dalla fine degli anni sessanta, e che ha contribuito a trasformare con le sue architetture. Helmut Jahn ha firmato opere in tutto il mondo tra i suoi progetti più noti e iconici: il Sony Center sulla Postdamer Platz di Berlino e il Messefurm di Francoforte, in Germania, la One Liberty Place di Philadelphia, in Pennsylvania, e l'Aeroporto internazionale Suvarnabhumi di Bangkok, in Thailandia.



Addio a Helmut Jahn

L'8 maggio in un incidente stradale, a Campton Hills, a 100 km da Chicago, è morto a 81 anni l'architetto Helmut Jahn, autore di edifici iconici che hanno inciso profondamente sugli skyline delle città a cui appartengono, come la One Liberty Place di Philadelphia, in Pennsylvania, e il Messeturm di Francoforte, in Germania, per citare solo alcune delle sue opere più importanti.

Nato nel 1940, vicino Norimberga in Germania, Helmut Jahn ha studiato dal 1960 al 1965 alla Technische Hochschule di Monaco. Conseguito il diploma, dopo un'esperienza lavorativa con Peter C. von Seidlein, dal 1966 si è trasferito a Chicago per studiare architettura presso l'Illinois Institute of Technology, dove aveva insegnato l'architetto Ludwig Mies van der Rohe.
Helmut Jahn abbandonò l'ITT senza conseguire la laurea, ma il suo stile è stato profondamente ispirato dagli insegnamenti di Ludwig Mies van der Rohe, come sostenuto dallo stesso architetto. Entrato nel 1967, come allievo di Gene Summers, nello studio d'architettura CF Murphy Associates, fondato da Charles Francis Murphy, ne ha assunto in breve tempo ruoli di responsabilità crescente fino a diventare socio e direttore esclusivo dello studio, nel 1981, ribattezzandolo Murphy/Jahn e poi, nel 2012, solo JAHN.
Nel 1978 è diventato l'ottavo membro del gruppo dei Chicago Seven architects, composto da: Stanley Tigerman, Larry Booth, Stuart Cohen, Ben Weese, James Ingo Freed, Tom Beeby e James L. Nagle. Un gruppo di architetti postmoderni che ricercava nuove forme, contenuto semantico e riferimenti storici nei propri progetti, opponendosi alla dottrina del modernismo praticata dai seguaci di Ludwig Mies van der Rohe. James L. Nagle parlando dei motivi che avevano spinto il gruppo ad agire sosteneva infatti che “Non è stato Mies a diventare noioso. Sono stati gli imitatori a diventare noiosi”.
Lo State of Illinois Center, diventato poi James R. Thompson Center, realizzato nel 1985 a Chicago è stata la prima opera che ha dato all'architetto Helmut Jahn grande fama internazionale ed è tuttora considerata come uno degli edifici postmoderni più significativi della città.
Quest'opera valse a Jahn l'appellativo di "Flash Gordon", ispirato al celebre e velocissimo eroe dei fumetti. Un alias che l'architetto, appassionato di nautica, ha conservato e usato come nome dei suoi yacht, con cui a partire dalla fine degli anni novanta del XX secolo ha ottenuto anche vittorie nei campionati nordamericani. Altre opere celebri sono: la "One Liberty Place" (1987), il grattacielo iconico che ha trasformato lo skyline di Philadelphia; il Messeturm (1991) di Francoforte e il "Sony Center" (2000) di Potsdamer Platz a Berlino in Germania, diversi aeroporti tra cui l'United Airlines Terminal 1 (1987) all'O'Hare International Airport di Chicago, il Munich Airport Center (1999), il Cologne Bonn Airport (2000) a Cologne, e l'aeroporto internazionale Suvarnabhumi (2006) di Bangkok in Thailandia.
Nell'ambito dell'attività accademica ha insegnato all'Università dell'Illinois Chicago Campus, è stato Eliot Noyes Professor of Architectural Design all'Università di Harvard, Davenport Visiting Professor of Architectural Design all'Università di Yale e Thesis Professor all'IIT.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of Wikipedia. These file are licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported license and the Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International license.
Captions:
01 The James R. Thompson Center (JRTC) photo by Primeromundo
02 Spire closeup of One Liberty Place, Philadelphia, photo by Wasted Time R
03 One and two Liberty Place photo by Photodavid
04 O'Hare Airport Terminal One B to C Tunnel photo by Tom Harpel
05 One America Plaza, San Diego photo by Nehrams2020
06 1999 K Street, Washington photo by AgnosticPreachersKid
07 Neues Kranzler-Eck, Charlottenburg, Berlin photo by Ole Neitzel
08 Sony Center by night, Berlin photo by Nordenfan


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×
×

Rimani in contatto con i protagonisti dell'architettura, Iscriviti alla Newsletter di Floornature