25-01-2017

Ricardo Bofill e l’Université Mohammed VI Polytechnique

Ricardo Bofill,

Marocco,

Facoltà, sport,

Design,

Design,

Ricardo Bofill ha vinto il concorso per la costruzione dell’Université Mohammed VI Polytechnique nell’ambito della fondazione della Mohammed VI Green City a Ben Guerir in Marocco. Cuore di un più ampio progetto urbanistico, l’Université Mohammed VI unisce preesistenze e modernità.



Ricardo Bofill e l’Université Mohammed VI Polytechnique Il nuovo campus Université Mohammed VI Polytechnique a Ben Guerir, Marocco, è un progetto di RBTA, Ricardo Bofill Taller de Arquitectura, sviluppato all’interno del masterplan della città di fondazione Mohammed VI Green City (VVM6). Voluto dal gruppo OCP, tra i maggiori esportatori mondiali di fertilizzanti al fosfato, questo nuovo polo urbano è stato costruito nei pressi di Ben Guerir, tra Casablanca e Marrakech, dove si trova anche uno dei più grandi stabilimenti del marchio, e l’università progettata da Ricardo Bofill ne costituisce il centro nevralgico. Lo scopo infatti è creare lavoro in una zona ad altissimo tasso di disoccupazione, a partire dalla concezione di una nuova generazione di scienziati e ricercatori che trovino nella OCP un diretto interesse professionale, finalizzato alla riduzione dell’emigrazione e alla ripopolazione dell’area.
Il concorso prevedeva di operare su una superficie di 55 ettari, rispettando un’altezza massima degli edifici di 21 metri. Ricardo Bofill ha tradotto questi margini spaziali in un masterplan molto denso, orientato da un asse pedonale, la Avenue Mohammed VI, elemento ricorrente anche nei recenti progetti per complessi universitari realizzati dallo studio Saad El Kabbaj in tre diverse città del Marocco. L’andamento dell’asse non rettilineo, ma a linea spezzata, è finalizzato alla creazione di due grandi piazze, una a ovest e una a est, che accolgono ai due ingressi principali del campus. In gran parte pedonale, il masterplan è una fitta maglia di edifici a sviluppo lineare parallelo all’asse, intervallati da tratti molto verdi con specifiche finalità ricreative. Lungo la Avenue Mohammed VI si collocano invece gli istituti e le aule universitarie con uno schema a blocchi singoli con struttura a corte.
Il masterplan è un quadrato con i vertici orientati ai punti cardinali, dove i fronti nord-ovest e sud-est sono caratterizzati dalla striscia dei blocchi residenziali, edifici indipendenti a corte e a pianta quadrata, in linea con la geometria principale. Verso il centro del campus si trovano poi due ampie zone lineari adibite a giardini, in cui sono state costruite da un lato le strutture per lo sport e dall’altro è stato previsto uno spazio completamente verde, pensato per favorire l’interazione tra la comunità degli studenti e quella dei docenti, o in futuro per la progettazione di orti e piccoli allevamenti.
Dal punto di vista dell’immaginario formale, Ricardo Bofill si è ispirato alla tradizione architettonica marocchina, visibile in tutte le città principali. Dal colore rosso, ispirato alla terra cruda tipica della tradizione costruttiva locale e alla sabbia del deserto, fino alle aperture ritmate delle facciate, interpretate secondo il linguaggio di Bofill, allo scopo di proteggere dall’intenso irraggiamento solare e di favorire la ventilazione naturale delle corti e degli interni. Le prestazioni ambientali così ottenute hanno permesso al progetto di ottenere la certificazione LEED NC. 
Studiando la griglia di aperture dei fronti interni ed esterni del campus si nota la reiterazione delle forme quadrate e rettangolari nei brise soleil, nelle finestre e infine nelle grandi vetrate e nei vuoti del perimetro murario. Un’interpretazione, di postmoderna memoria, dell’elemento decorativo e schermante della tradizione marocchina. Così le coperture delle piazze, leggere strutture di metallo con pannelli fotovoltaici, sono un inserto occidentale nei blocchi del complesso ispirato al “ksour" (in arabo, “castello”).

Mara Corradi

Architect: Ricardo Bofill Taller de Arquitectura
Client: OCP Group
Location: Benguérir (Morocco)
International competition
Design:
Phase 1A : March 2012 - September 2012
Phase 1B : May 2012 - January 2013
Construction:
Phase 1A : June 2012 - December 2013
Phase 1B : March 2013 - December 2015
Total Floor area: 300,000 sqm
Site area: 540,000 sqm
Floor area Phase 1A + 1B: 65,000 sqm 
Surface / Volume: 
Total Project: 300.000 sqm
Land Area: 540.000 sqm
Construction Phase 1A + 1B - 65.000 sqm 
Contractor / Builder: EMTB - CEGELEC - MAVER -INTERLUX - SGTM - MENASTEEL - RICHE BOIS - ETTOLMY - CASAIS - ABU EISHEH
Consultants: Jacobs, Arup, Strain, Frepi, Casademont, Chemtrol, Poliprograma, Peutz Signes 
Investment: Public / Private
Structure in concrete

www.ricardobofill.com

GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy