17-12-2010

Fluid Motion Architects: Mellat Park Cineplex

Progetti

Cemento, Vetro,

Adattarsi al contesto o emergere con unicità? L’architettura contemporanea è costantemente sottoposta a questo interrogativo. Ma ci sono progetti che riescono a superarlo senza scegliere, realizzando sintesi perfette tra protagonismo e integrazione, tra simbolismo e valorizzazione del paesaggio circostante. Uno di questi è il  Mellat Park Cineplex a Tehran.



Fluid Motion Architects: Mellat Park Cineplex Lo spettacolo e la cultura aprono il loro ventre al paesaggio, invitando la gente e la città tutta ad entrare e a cibarsi. Se il cinema è una delle arti più popolari a Tehran, il nuovo multisala, progettato dallo studio Fluid Motion Architects, si rivolge a sud, verso il centro della capitale dell’Iran, per invitare la cittadinanza a frequentare anche le aree periferiche, dove esista la volontà di creare aggregazione.
Il nuovo centro culturale sorge su un’area di 6000 metri quadrati all’interno del Mellat Park, un giardino per passeggiate già luogo di ritrovo attorno al quale si sono sviluppati un grande complesso per lo sport, un altro per le esposizioni internazionali e, a est, separata da una grande arteria stradale rettilinea, un’estesa area residenziale dall’urbanistica estremamente regolare. Il lotto dalla forma sinuosa invitava a seguirne l’andamento, che a sua volta derivava da quello della Niayesh Hwy, la superstrada che costeggia il terreno a sud, offrendosi alla vista di chi vi sfreccia senza far caso al contesto. Il Mellat Park Cineplex si inserisce nel parco come un elemento naturale a sua volta, rifiutando qualsiasi volontà di geometrizzazione delle sue parti, ma invece ricreando anche in alzato lo stesso dinamismo della pianta e finalizzandolo alle esigenze funzionali degli spazi di spettacolo. La sezione longitudinale evidenzia la suddivisione in due blocchi, il basement (seminterrato) e il blocco superiore, che dal piano terra si estende fino al livello del ristorante, occupante l’ultimo livello. La connessione tra il basement e il piano terra, che ospitano le 4 sale per cinema da 300 posti ciascuna, è rappresentata da un’estesa piazza centrale aperta su entrambi i lati, moderna interpretazione dell’eyvan, il cortile con copertura a volta dalla funzione centrale tipico dell’architettura islamica. Questo il ventre aperto dell’edificio, un luogo per lo svolgimento di pubbliche attività e un luogo di passaggio, dalla simbolica funzione di portale tra la città, il parco e le montagne a nord. Dalla piazza partono i collegamenti verticali alle sale e alle attività collaterali (bookshop, caffè, uffici e galleria espositiva nel basement), costituiti da rampe in cemento che montano e discendono assecondando la linea fluida propria della filosofia di progetto e idealmente proseguendo il peregrinare errante dei sentieri del parco.
All’imponente struttura verticale in cemento armato e acciaio, lasciata a vista quale esaltazione di forza nella sua finitura grezza, si associa la trasparenza e la leggerezza orizzontale delle facciate completamente vetrate, cosicché passeggiando sulle rampe ai piani sia possibile vedere il parco da un lato e la città dall’altro.
Emergenza visiva e architettura integrata al contesto, il Mellat Park Cineplex è un landmark costruito per guardare il paesaggio e accorgersi delle specificità urbane della città di Tehran.

di Mara Corradi

Progetto: Fluid Motion Architects (Reza Daneshmir, Catherine Spiridonoff)
Collaboratori: Bijan Vaziri, Arash Javadi, Amir Badiei, Akram Lolaei, Elaheh Najafi, Iman Nedaei, Mohammad Mehrabani, Majid Ahmadi, Iman Daneshvarnejad
Committente: Development of Cultural Spaces Co. (Tehran Municipality)
Luogo: Tehran (Iran)
Progetto delle strutture: Hamid Bastani Parizi (N.A.S Consulting Engineers.)
Consulenza meccanica: Badri Rahimzadeh
Consulenza elettrica: Amir Shaabanzadeh
Impresa costruttrice: Nikan Niroo Co.
Impianti meccanici ed elettrici: Arkan Arzesh Co.
Strumentazione cinema: Masoud Roostaei
Progetto del paesaggio: Peyman Banishoraka
Superficie totale costruita: 15400 mq
Area del lotto: 6000 mq
Progetto: 2003-2008
Realizzazione: 2008
Struttura in cemento armato, vetro e acciaio
Pavimenti interni in “pietre artificiali”: Falat Sang Asia
Facciate: Reynaers Aluminum
Illuminazione: Aftab Bahar Company
Ascensori e scale mobili: Thyssen Kroop Company
Fotografie: Ali Daghigh, Derek Kaplan, Reza Daneshmir

www.fma-co.com

GALLERY

Fronte Nord, Ph. Ali Daghigh

La piazza, “porta della città”, Ph. Ali Daghigh

Scorcio sul complesso in cemento e vetro, Ph. Ali Daghigh

Fluid Motion Architects: Mellat Park Cineplex

Ingresso dalla piazza, Ph. Ali Daghigh

La circolazione sulle rampe, Ph. Ali Daghigh

Rampa verso il ristorante, Ph. Ali Daghigh

Ultimo livello, ristorante, Ph. Derek Kaplan

Scorcio dalla superstrada, Ph. Derek Kaplan

Il Mellat Park Cineplex, centro culturale e luogo di ritrovo, Ph. Reza Daneshmir

Scorcio del cantiere, Ph. Reza Daneshmir

Cantiere, struttura in cemento e acciaio, Ph. Reza Daneshmir

Il cantiere dalla superstrada, Ph. Reza Daneshmir

La realizzazione della facciata in vetro, Ph. Reza Daneshmir

Fluid Motion Architects: Mellat Park Cineplex

Modello 3D, sezione

Pianta del piano terra

Pianta del piano terra

Sezione longitudinale

Planimetria dell’area prima e dopo la realizzazione

Planimetria dell’area e dei quartieri circostanti


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy