10-08-2018

Il Courtscraper W57 di Bjarkeingels architect a Manhattan

BIG – Bjarke Ingels Group,

New York, USA,

Housing, Condomini, Residenze, Grattacielo,

Acciaio, Metallo, Cemento,

Il Courtscrapers W57 realizzato sulla West 57th di Manhattan da Bjarkeingels architects, unisce i pregi degli edifici a corte europei e dei grattacieli americani, con interessanti soluzioni formali e tecnologiche



Il Courtscraper W57 di Bjarkeingels architect a Manhattan Il grattacielo a corte progettato da Bjarkeingels in West 57th Street a Manhattan, ribattezzato per l’occasione courtscrapers, unisce i vantaggi degli edifici a corte europei a quelli dei grattacieli, in una nuova sintesi formale.
I 44 piani per circa 467 piedi (142metri) di altezza al W57, distribuiti su un lotto di 110.938 Sf, (33.814 mq), nascono da una precisa volontà di dare ai 709 appartamenti dell’edificio la migliore disposizione, al fine di godere della vista sull’Hudson e sulla città. Tutto questo è stato ottenuto creando una facciata che è principalmente rivolta a sud. E, poiché l’edificio occupa tutto il lotto, i progettisti di Bjarkeingels architect hanno pensato di realizzare gli ambienti commerciali al piano terra, donando così all'intero complesso una piazza verde al terzo piano. In questo modo i suoi abitanti hanno il privilegio di affacciarsi su un parco tutto a loro disposizione. Ovviamente questo ha creato non pochi problemi strutturali e impiantistici però tutti risolti pienamente, sia realizzando una struttura solida, elastica e leggera, fino a concepire un piano per lo smaltimento delle acque piovane inquinate.
Fino al 34° piano la struttura è in calcestruzzo armato, con piastre armate e pilastri che inglobano i richiami delle strutture che da lì in poi diventano d’acciaio, migliorando le performances strutturali, specie con l’azione del vento che arriva lì, dopo essersi aggirato fra i grattacieli vicini.
Una parte del seminterrato contiene i parcheggi, mentre un’altra è destinata a magazzinaggio. Il tutto posa su un’area che in parte è geologicamente considerata alluvionale, cosicché le strutture di fondazione e di contenimento sono state realizzate per contrastare le diverse spinte del terreno. Tutti gli impianti sono posti in questa zona nord interrata, in modo da non apparire in altre parti e sciupare l’intero impianto formale, nonché sacrificare appartamenti, il cui 20% sono riservati a prezzi accessibili.

Fabrizio Orsini

PROJECT: West 57th Street
CLIENT: Durst Fetner Residential
COLLABORATORS: SLCE Architects (Architect of Record)
Starr Whitehouse Landscape Architects
Thornton Tomasetti (Sturctural)
Dagher Engineering(MEP)
Langan Engineering (Civil)
Hunter Roberts (Construction Manager)
Philip Habib & Assoc. (Transportation)
Israel Berger & Assoc. (Building Envelope)
Nancy Packes (Signage)
Van Deusen & Assoc. (Vertical Transportation)
Cerami & Assoc. (Acoustical)
CPP (Wind), AKRF (Environmental)
German Glessner (Renderings & Animation)
SIZE: 80.000 m2

LOCATION: Manhattan, New York, USA


GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×