21-08-2018

Atsushi Kitagawara premio PIDA Internazionale e la ricostruzione post sisma

Atsushi Kitagawara Architects,

Shigeru Ohno, Kenya Chiba, Tankumi Ota, Takeshi Yamagishi,

Ischia, Italia,

Mostre,

Mostra, Premio,

L'architetto giapponese Atsushi Kitagawara ha vinto il Premio Internazionale Ischia di Architettura e terrà dal 10 al 15 settembre un workshop nell'isola partenopea dedicato alla ricostruzione post sisma.



Atsushi Kitagawara premio PIDA Internazionale e la ricostruzione post sisma

Dal 10 al 15 settembre 2018 si svolgerà l'ottava edizione del PIDA, il Premio Internazionale Ischia di Architettura. Dalla bella isola del golfo di Napoli, importante meta turistica, un premio che ha come ambizione quella di diventare un punto di riferimento per le buone pratiche di architettura che riguardano la realizzazione di Alberghi e SPA, anche in tema di rigenerazione edilizia e dell’offerta turistico ricettiva ad essa collegata.
Parallelamente alla mission principale il Premio presenta alcuni eventi collaterali tra cui il PIDA internazionale, premio riservato all'architetto che si è distinto nel mondo per la realizzazione di opere di qualità. Per l'ottava edizione il premio è stato attribuito all'architetto giapponese Atsushi Kitagawara.
Protopia Maio / Le utopie hanno fallito, meglio le protopie”, questo il titolo e sottotitolo dell'edizione 2018 che l’architetto Giovannangelo De Angelis, presidente dell’associazione PIDA promotrice del premio, ha presentato a Venezia nell'ambito di Architects meet in Fuoribiennale.

Nei giorni della vernice della 16° Mostra Internazionale di Architettura della Biennale Venezia: FREESPACE, curata dagli architetti Yvonne Farrell e Shelley McNamara; l’AIAC Associazione Italiana di Architettura e Critica ha presentato presso palazzo Widmann “Identities for a changing World”, 5° edizione di Architects meet in Fuoribiennale, per proporre “una riflessione su come l’architettura stia affrontando i cambiamenti in atto che sfidano la concezione tradizionale di identità”. In quest'ottica si pone anche il tema di PIDA che parte da un articolo del quotidiano italiano La Repubblica in cui era citata una riflessione di Michael Shermer (editore di "Skeptic" e collaboratore di Scientific American). Michael Shermer nell'articolo intitolato “Le utopie hanno fallito, meglio le protopie” pubblicato in aprile 2018 nel sito economico Quartz, propone come possibile soluzione per sostituire l'idea di utopia: le “protopie”. Protopia è un neologismo per indicare “una serie di progressivi passi verso il miglioramento, non la perfezione" o ancora come spiegato da Kevin Kelly "Protopia è uno stato che è meglio oggi di ieri, anche se potrebbe essere anche un pochino meglio”, dove quindi i successi protopici “avvengono un passetto alla volta. Un futuro protopico è realizzabile”.
Alla ricerca di risultati protopici è focalizzato il workshop che accompagnerà l'ottava edizione del premio PIDA. Oggetto del workshop è Maio, frazione di Casamicciola, comune dell'isola di Ischia, che il 21 agosto 2017 è stato epicentro di una scossa di terremoto di magnitudo 4.0.

Il workshop che si svolgerà nell'isola di Ischia (Castello del Piromallo, Forio d'Ischia) dal 10 al 15 settembre sarà diretto dall'architetto Atsushi Kitagawara, vincitore del premio PIDA Internazionale, e vi parteciperanno 4 gruppi di laureandi selezionati e guidati da docenti della facoltà di Architettura di Napoli Federico II, Roma Tor Vergata, Politecnico di Bari e D’ARCH di Palermo. Un team multidisciplinare affiancherà studenti e docenti: geologi dell’INGV, ingegneri dell’ANIAI esperti nella ricostruzione post-sisma, tecnici bioclimatici del network CasaClima ed esperti in progettazione partecipata; scopo del workshop è infatti arrivare alla definizione di quattro soluzioni progettuali da proporre alla comunità per la ricostruzione delle aree colpite dal sisma.

L’architetto Atsushi Kitagawara, professore presso l’Università delle Arti di Tokyo, vanta una grande esperienza nella costruzione di edifici antisismici e terrà una lectio magistralis il 14 settembre in occasione del premio PIDA. Tra le sue opere più recenti il Padiglione del Giappone realizzato per l’Expo Milano 2015, il progetto Baselworld MIKIMOTO, l'ampliamento del Nakamura Keith Haring Collection Art Museum, l'hotel Keyforest Hokuto, la nuova Kobuchizawa Station, la nuova sede e lo stabilimento di Nakanishi Inc.

(Agnese Bifulco)

Images courtesy of PIDA Internazionale, photos by Kenya Chiba, Shigeru Ohno, Tankumi Ota, Takeshi Yamagishi.

http://www.pida.it
http://www.kitagawara.co.jp/


GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×