1. Home
  2. Architetti
  3. Biografie
  4. Arata Isozaki

Arata Isozaki

Arata Isozaki
Considerato uno dei maestri dell’architettura giapponese degli ultimi decenni del secolo, Arata Isozaki ha iniziato la sua carriera negli anni Cinquanta come allievo di Kenzo Tange. In seguito alla fondazione del suo studio, divenuto oggi Arata Isozaki & Associates, egli elabora personali teorie sulla forma architettonica che si traducono in opere dalla ricercata geometria, a volte rappresentata da volumi monolitici, come il Palahokey di Torino, a volte dalla combinazione complessa di volumi primari come nel Kitakyushu City Museum of Art o nel Centro civico di Tsukuba, ma con un esito sempre monumentale. Il rivestimento dell’edificio è un elemento in cui egli esprime la sua poetica, dove la reiterazione del modulo è finalizzata a creare involucri continui e scultorei.
Nel corso degli anni ottanta Isozaki aderisce alle istanze del postmoderno avvicinandosi anche al gruppo Memphis, movimento d’avanguardia guidato da Ettore Sottsass in Italia. La riscoperta delle linee e delle forme archetipiche, l’uso del colore e la ricerca grafica del gruppo influenzano Isozaki non solo nei suoi progetti d’arredo ma anche nella sua sperimentazione compositiva, come si nota nel Museo d’arte contemporanea MOCA di Los Angeles.
Celebri sono i suoi lavori in occasione delle Olimpiadi di Barcellona nel 1992 e dei Giochi Olimpici invernali di Torino nel 2006, episodi in cui l’architettura si è inserita in un nuovo contesto urbanistico. Tra le sue opere più recenti in corso di realizzazione il masterplan di tutto il complesso Citylife e la Torre per Citylife composta da 50 piani, alta 207 metri, che sarà completata a fine 2014.
Isozaki ha tenuto conferenze e lezioni in sedi prestigiose, in particolare negli Stati Uniti. Il suo lavoro ha ottenuto riconoscimenti da tutto il mondo, oltre che esposizioni e innumerevoli pubblicazioni. Oggi egli è socio onorario dell’Istituto Americano degli Architetti, membro del Bund Deutscher Architekten e cavaliere dell’Ordine delle Arti e delle Lettere.
 
Arata Isozaki opere e progetti famosi
 
- MABIC - Nuova Biblioteca di Maranello (Italia), 2011
- Uffici della Provincia di Bergamo (Italia), 2009
- China Wetland Museum, Hangzhou (Cina), 2009
- Central Academy of Fine Arts, Museum of Contemporary Art, Pechino (Cina), 2008
- Palahockey per i Giochi Olimpici Invernali, Torino (Italia), 2006
- Qatar National Convention Center, Doha (Qatar) 2004
- Centro della Scienza e dell’Industria, Columbus (USA), 1999
- Shenzhen Cultural Centre, Shenzhen (Cina), 1998
- Centennial Hall, Nara (Giappone), 1998
- Shizuoka performing arts park, Shizuoka (Giappone), 1997
- Padiglione d’arte e tecnologia giapponese, Cracovia (Polonia), 1994
- Palazzo dello sport Sant Jordi per i Giochi Olimpici, Barcellona (Spagna), 1990
- Museo d’arte contemporanea MOCA, Los Angeles (USA), 1986
- Centro civico di Tsukuba, Ibaraki (Giappone), 1983
- Museo d’arte moderna, Gumna (Giappone), 1974
- Kitakyushu Central Library, Fukuoka (Giappone), 1974
- The Kitakyushu City Museum of Art, Fukuoka (Giappone), 1974
- Filiale bancaria della Banca di Fukuoka, Oita (Giappone), 1971
 
www.isozaki.co.jp

Architetti più visti

Richard Meier

19-11-2013

Richard Meier

Herman Hertzberger

24-05-2004

Herman Hertzberger

Italo Rota

16-09-2014

Italo Rota

Shigeru Ban

24-05-2004

Shigeru Ban

Tony Fretton - TFA

15-02-2010

Tony Fretton - TFA


Articoli Correlati

28-04-2017

Napoli, Rione Sanità: due piazze recuperate alla Bellezza

La Fondazione di Comunità San Gennaro, il Dipartimento di Architettura...

More...

28-04-2017

BBGK Architekci Katyn Museum Varsavia EU Mies Award 2017

Il memoriale dedicato alle vittime dell’eccidio della foresta di Katyn, progettato a Varsavia...

More...

27-04-2017

mostra Pierre-Alain Dupraz La Topographie en Architecture - Parigi

Il rapporto con la topografia del sito è il tema centrale dei recenti progetti realizzati...

More...



Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy