15-04-2010

Alpi dell'Otztal, Tirolo

USA,

Hotel,

Lusso alpino tra cielo e ghiaccio.
Piattaforme di design e hotel a impatto zero all'insegna dell'eco-design.
Tirolo, Alpi dell'Otztal, un mix vincente tra ecologia, design e vacanze sulla neve. Impianti  all'avanguardia, hotellerie di charme e un panorama mozzafiato che garantiscono attraverso la scelta di materiali e l'uso di energie rinnovabili una vacanza all'insegna del benessere dove la natura  si sposa con la creatività e la capacità di chi progetta contemporanee strutture eclettiche.



Alpi dell'Otztal, Tirolo


Tirolo, Alpi dell'Otztal, un mix vincente tra ecologia, design e vacanze sulla neve. Impianti  all'avanguardia, hotellerie di charme e un panorama mozzafiato che garantiscono attraverso la scelta di materiali e l'uso di energie rinnovabili una vacanza all'insegna del benessere dove la natura  si sposa con la creatività  e la capacità di chi progetta contemporanee strutture eclettiche.

Prima sosta a Hochoetz, all'insegna dello slow winter. Eschimesi per un giorno non possiamo rinunciare a trascorrere una notte nel villaggio di neve, un autentico igloo a 2000 metri. Un capolavoro di architettura fatto unicamente di neve e ghiaccio. Costruito in 4 settimane si compone di 6 igloo che ospitano fino a 4 persone, 8 suite per coppie e un salotto lounge. I suoi interni rivelano un mondo magico e chi rimane per la notte, prima di dormire, può fare camminate notturne o una seduta nella sauna tra le più alte d'Europa.

Dopo il profondo bianco la tappa successiva è Solden. Si  pernotta al Central SpA Hotel Solden dove convivono lusso e ospitalità con ambienti molto vicini allo stile italiano, anche per quanto riguarda la ristorazione. Il   punto di forza della struttura è l'ampia SpA in stile minimale, che propone pratiche curative sciamaniche, mentre l'area wellness è dislocata su 3 piani. Al via per affrontare 151 km di piste ma soprattutto il percorso BIG 3- Rally, un connubio di design tra cielo e ghiaccio.
L' itinerario di 50 km si può percorrere in giornata affrontando un dislivello di 10.000 metri. Impianti di risalita permettono di accedere alla tre vette ciascuna dotata di una propria futuristica piattaforma panoramica di acciaio e vetro. Ideatore del progetto l' architetto bavarese Peter Schmuch.
La costruzione a 120 metri sopra la stazione del monte Schwarze Schneid è un piccolo capolavoro architettonico, la grande piattaforma circolare in cima al Gaislachkolg offre all'esterno un panorama mozzafiato e all'interno una esperienza gastronomica locale non priva però di un tocco di sorpresa quando vengono proposte ostriche fresche e champagne a 3000 metri di altezza. 
Spettacolare la passerella sulla pedana di metallo appesa a due funi di acciaio che sporge di quasi 25 metri accanto alla stazione del Tiefenbachkogl. E il futuro? 
Lo studio di Johann Obermoser di Innsbruck ha progettato un impianto funiviario che funzionerà già nella stagione invernale 2010/2011 sulla montagna di Gaislachkogl. Per la stazione a valle ha previsto un gigantesco scheletro di acciaio che incorpora tutta la parte centrale e questa costruzione futuristica verrà avvolta da una foglia trasparente di materiale plastico.

Da Solden ci si dirige a Obergurgl-Hochgurgl .Si pernotta al The Crystal Hotel la cui architettura minimale cubica offre uno strettissimo contatto con la natura che lo circonda, mescolando al suo interno  materiali naturali quali pietra, ferro e legno. Il surplus dell'hotel è il lusso alpino a impatto zero, vale a dire un vero  eco design hotel che usa l'energia geotermica e l'energia solare  che permettono di  risparmiare 90.000 litri di gasolio durante i mesi invernali. Fiore all'occhiello è la Wellness Spa di oltre 2.000 metri quadrati e la Private Suite Spa, con le sue tre piscine con vista sui ghiacciai, le saune, il fitness center e la sala relax con camino a vista. Dal The Crystal hotel con gli sci ai piedi, si  raggiunge quota 3.082 m del Wurmkogel  dove svetta una scenografica architettura lineare, un nuovo highlight di grande impatto: il Top Mountain Star. Su una strettissima cresta troneggia una piattaforma circolare di 120 mq avvolta da un unica continua parete di vetro. La struttura è coperta da una cupola di vetro e da supporti di acciaio e nel bar, dalla costruzione minimale ed essenziale tutto metallo, vetro e legno si gusta il “Kaiserschamrren” ovvero la frittata dell'imperatore cosparsa di zucchero a velo e servita insieme alla marmellata di mirtilli rossi.

Ultima sosta:  il più innovativo centro termale delle Alpi: l'Aqua Dome di Langenfeld, un vero albergo di design circondato di acque sulfuree dove svettano strutture a forma di cristallo, pareti trasparenti, enormi vasche traboccanti di acqua all'interno e all'esterno, il tutto tra legno, vetro, colori e giochi d'acqua. Spettacolare la zona spa, per non parlare poi dello Spacecurl, strumento tecnico elaborato dalla Nasa con il quale è possibile una terapia e un sistema di training tridimensionale per la muscolatura. In questo albergo tutto è declinato all'insegna dello spazio: dalla stanza più piccola di 35 mq, alle vasche di acqua sulfurea con un diametro di 16 metri, il tutto su una superficie di 50 mila mq dalla quale si alza il sipario sulle 250 cime innevate del magico Otztal.

Cintya Concari


GALLERY

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Aqua Dome Tirol Therme

Central Spa Hotel

Central Spa Hotel

Central Spa Hotel

Central Spa Hotel

Central Spa Hotel

Central Spa Hotel

Solden, Arch. architetto Johann Obermoser

Solden, Arch. architetto Johann Obermoser

Solden, Arch. architetto Johann Obermoser

Solden, Arch. architetto Johann Obermoser

Solden, Arch. architetto Johann Obermoser

Solden, Arch. architetto Johann Obermoser

Solden, Arch. architetto Johann Obermoser

Solden, Arch. architetto Johann Obermoser

Solden, Arch. architetto Johann Obermoser

Solden, Arch. architetto Johann Obermoser

Solden, Arch. architetto Johann Obermoser

Solden, Arch. architetto Johann Obermoser

Hotel The Crystal

Hotel The Crystal


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy

×